Giardinaggio

Marimo, l’alga che arriva dall’oriente

Originaria del Giappone, questa simpatica alga sferica è ormai molto diffusa anche in Occidente

Alga Marimo nell'acqua all'interno di un barattolo

Da diversi anni in Occidente, Italia compresa, è sempre più comune e ricercato il Marimo (Aegagropila Linnaei), un’alga proveniente direttamente dal Giappone considerata una pianta portafortuna, simbolo di amore eterno e prosperità.

Questa simpatica alga sferica cresce in natura in due laghi in particolare: il lago di Akan in Giappone e il lago Myvatn in Islanda, ma si può trovare anche in Siberia, Estonia e in Australia (in quest’ultima è stata introdotta dall’uomo).

STORIA E LEGGENDA

Il nome marimo gli venne dato nel 1898 dal botanico Giapponese Tatsuhiko Kawakami e significa letteralmente “alga palla”: infatti deriva dalla parola “mari”, che significa palla, e “mo”, termine generico usato per indicare le piante che crescono nell’acqua.

Secondo il mito giapponese la storia di quest’alga è legata a quella di una coppia di giovani innamorati che, ostacolati dalle loro famiglie che volevano separarli, fuggirono e si ritrovarono sulle sponde del lago Akan. Per rimanere eternamente legati, la leggenda narra che dopo essersi giurati amore eterno i loro cuori si trasformarono in Marimo.

In breve tempo quest’alga divenne molto famosa, anche perché facile da curare, e d’interesse nazionale, tanto che nel 1921 il governo giapponese la dichiarò “tesoro naturale giapponese” e specie protetta. Inoltre sulle rive del lago Akan si trova un museo dedicato alla storia del marimo e una volta l’anno si tiene un festival in suo onore, in cui i giapponesi sono soliti rigettare nel lago i Marimo precedentemente presi. La motivazione del gesto risale ai primi anni del ‘900 quando tantissime persone si recarono in massa, incuriosite anche dalla leggenda, sulle rive del lago per prendere un esemplare di quest’alga causando però un grave danno all’ecosistema. Intorno alla metà del secolo scorso, fortunatamente molte persone compresero la gravità del problema e si attivarono per risolverlo istituendo quindi il festival con lo scopo di sensibilizzare la gente sul tema e riportare queste alghe nel loro ecosistema.

CARATTERISTICHE E CURA

Con un colore verde molto intenso il marimo è formato da sottili e soffici fusti che assorbono nitriti e nitrati dall’acqua convertendoli in ossigeno, durante il processo di fotosintesi infatti si possono vedere le piccole sfere di ossigeno attaccate ai fusti che possono far fluttuare, ma non sempre, il marimo verso la superficie: questo movimento è conosciuto come la famosa “danza del Marimo”. Si sviluppa principalmente sui fondi fangosi dei laghi, la sua forma sferica infatti è dovuta al movimento che la fa rotolare per i fondali. Essendo quindi abituata a stare in profondità non deve essere messa a contatto diretto con il sole, la temperatura ideale dell’acqua è tra i 5  e i 24°.

Quest’alga può vivere oltre i 200 anni ma cresce molto lentamente, circa 5 mm/10 mm l’anno, e si può riprodurre dopo i 10 anni di vita. Anche in questo caso la riproduzione avviene lentamente e si presenta con una protuberanza.

Per prendersi cura del Marimo è necessario:

  • cambiare l’acqua ogni 2 settimane o 10 giorni nei periodi più caldi, assicurandosi di non tenerlo alla luce diretta del sole.
  • Strizzare leggermente il Marimo quando viene cambiata l’acqua.
  • Pulire il contenitore con attenzione, all’incirca 1 volta al mese, per rimuovere eventuali residui di calcare.

a cura di Acirne

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button