Chiunque usa violenza o minaccia per opporsi a un pubblico ufficiale o a un incaricato di un pubblico servizio mentre compie un atto di ufficio o di servizio (che può essere per gli agenti, ad esempio, una carica dei manifestanti) è punito con reclusione da sei mesi a cinque anni secondo la previsione dell’articolo 337 del Codice Penale: resistenza a un pubblico ufficiale.

Però buttarsi a terra, farsi trascinare e rifiutarsi di obbedire sono considerati atti di resistenza meramente passiva e non integrano il delitto in questione. In caso di arresto o fermo hai diritto a nominare un difensore di fiducia, al patrocinio gratuito se hai un reddito inferiore a 11mila euro annui, ad essere informato sull’accusa a tuo carico, ottenere assistenza linguistica, rimanere in silenzio, informare (con il tuo consenso se sei maggiorenne) l’autorità consolare o i tuoi familiari, accedere all’assistenza medica di urgenza, essere condotto davanti all’autorità giudiziaria entro 96 ore per la convalida del provvedimento.

L’arresto in flagranza differita è uno degli strumenti previsti dalla legge n. 46 del 2017 per colpire chi commette reati con violenza rivolta alle persone o alle cose durante le manifestazioni pubbliche. Chi viene ripreso dalle telecamere o fotografato mentre commette “inequivocabilmente” il fatto ne viene considerato autore ma è necessario che l’arresto sia compiuto non oltre il tempo necessario all’identificazione ed entro un massimo di 48 ore. La norma sarà in vigore fino al 30 giugno 2020 ed applica alle manifestazioni di piazza il concetto introdotto dal decreto legislativo n.88 dell’aprile 2003, che persegue chi commette i cosiddetti “reati da stadio”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.