CannabisHigh times

L’ultima follia proibizionista: 60 carabinieri sulle piste a caccia degli sciatori che fumano le canne

carabinieri sciSessanta carabinieri pattugliano quotidianamente le piste da sci dell’Alto Adige avendo tra i  principali compiti assegnati quello di fermare gli sciatori e perquisirli alla ricerca di droghe. È quanto si apprende da un articolo del quotidiano Alto Adige che ne racconta i risultati.

Negli ultimi giorni i militari dell’Arma di Ortisei e Selva val Gardena hanno fermato una decina di persone: tutti turisti sulle piste da sci con addosso pochi grammi di cannabis. Un altro gruppo di ragazzi è stato fermato sulle piste, non si precisa quanti fossero ma in tutto avevano «oltre 15 grammi di hashish». Mentre in un altro controllo altri quattro giovani sono stati trovati in possesso di non meglio specificate «modiche quantità di hashish e marijuana».

Le quatità dovevano essere veramente esigue, al punto che ai carabinieri quando hanno scoperto un quarantenne, turista proveniente da Cagliari, con 10 grammi di erba divisi in due diversi involucri deve essere sembrato di aver incastrato un narcotrafficante. Lo hanno infatti fermato e denunciato per «possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio». Per 10 grammi di erba: valore di mercato inferiore al costo di una tuta da sci usata.

Giusto aggiungere che i militari in questione, una sessantina sulle pista da sci altoatesine, non si occupano solo di cercare ragazzi che si fumano due canne in ferie, ma operano anche nel soccorso dei feriti sulle piste da sci. Ma a quanto pare la repressione dei fumatori è una delle loro attività principali. Un’assurdità pagata come sempre dai cittadini italiani.

E non si venga a parlare della solita questione della sicurezza. Quanti sciatori scendono la pista storti dopo aver alzato il gomito al bancone del rifugio? Eppure sotto questo profilo, che sì provoca incidenti sulle piste, non si muove un dito.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button