High times

L’ultima follia di Trump: contro gli spacciatori serve la pena di morte

Vivono uno strano periodo di Stati Uniti d’America, da una parte un numero sempre più alto di stati riformatori che non solo hanno legalizzato la cannabis ma stanno cercando anche un approccio più realistico e meno criminalizzante verso tutte le sostanze, dall’altra Donald Trump, ovvero i presidente socialmente più conservatore della storia degli States almeno dagli anni di Ronald Reagan ad oggi.

Secondo quanto riportato dai media statunitensi il presidente Trump si sarebbe spinto fino a elogiare le politiche verso le droghe di Cina, Singapore e Filippine, paesi dove per lo spaccio è prevista la pena di morte. Nelle Filippine, da quando nel 2016 si è insediato il presidente Rodrigo Duterte, sono stati uccisi oltre seimila sospetti spacciatori, spesso senza alcun processo. Il presidente filippino affermò addirittura che il suo obiettivo è quello di «sterminare gli spacciatori come Hitler ha fatto con gli ebrei» ed è stato accusato di crimini contro l’umanità dal Tribunale Penale Internazionale.

L’incremento di morti per overdose negli Usa

Donald Trump evidentemente approva: «Alcuni Paesi hanno pene molto molto dure, la pena capitale. Hanno molti meno problemi di noi con le droghe e quindi anche noi avremo pene molto dure», ha dichiarato Trump durante un incontro alla Casa Bianca, prima di annunciare l’intenzione di portare un pacchetto di riforme alla legislazione sullo spaccio entro tre settimane.

Negli Usa da anni si vive una nuova emergenze legata agli oppioidi, al punto che i decessi a causa del loro abuso sono più che triplicati negli ultimi quindici anni. Il problema per chi ambirebbe a soluzioni basate sulla repressione, come Donald Trump, è che nella gran parte dei casi gli spacciatori sono i farmacisti ed i mandanti le multinazionali del farmaco. Infatti la gran parte del consumo di oppioidi oggi non è composto dall’eroina o altre droghe illegali, ma da farmaci legali eppure letali come il Fentanyl.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.