2016-11-07-02-11-42-pm

Specie: Nelumbo nucifera
Famiglia: Nelumbonaceae

Origine: Asia e Australia
Habitat: stagni e paludi

Caratteristiche: pianta acquatica a crescita rapidissima in stagni e piccoli laghi; ha foglie grandi che emergono fino a un metro dall’acqua e fiori altrettanto grandi e molto ornamentali.

Coltivazione: ama fondali ricchi, fino a 2,5 m di profondità, ma si consiglia coltivazioni in acque poco profonde nei climi più freddi (ma non meno di 30 cm). La temperatura ottimale dell’acqua durante la fase di crescita è di 23°-27°. Per facilitare la germinazione del seme, è opportuno scarificarlo, e metterlo in ammollo in acqua tiepida fino allo sviluppo del germoglio, che avviene, a circa 25°, entro 3 settimane (cambiare l’acqua quando è torbida). Travasare poi la piantina in un substrato fangoso e aggiungere acqua man mano che cresce. Quando la pianta sarà ben formata porla a dimora, tenendo conto che le radici non amano spostamenti e trapianti. Esporre in pieno sole.

2016-11-07-02-15-41-pmValore terapeutico 3/5: il loto è usato in Oriente come erba medicinale da oltre 1500 anni. La pianta viene utilizzata in tutte le sue parti, come astringente, stomachico, tonico, febbrifugo, ipotensivo, vasodilatatore. Il succo delle foglie viene usato in caso di diarrea, mentre il decotto dei fiori si raccomanda nel trattamento di crampi addominali; il gambo del fiore è considerato emostatico e si usa nella cura di ulcere gastriche, mestruazioni eccessive, emorragie post-parto; gli stami sono utilizzati in caso di eiaculazione precoce, frequenza urinaria, emolisi, epitasi e sanguinamento uterino. Il decotto del frutto si assume in caso di agitazione, febbre, problemi cardiaci; il seme, che contiene alcaloidi e flavonoidi, è ipotensivo, sedativo e vasodilatatore ed è consigliato per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. È usato anche per trattare casi di cattiva digestione, enterite, diarrea cronica, spermatorrea, insonnia, palpitazioni ecc. Anche le radici raccolte e seccate si usano in caso di sanguinamenti nasali, emorragie, emottisi, mestruazioni eccessive.

Edibilità 4/5: la radice, cotta da sola o con altre verdure, è molto apprezzata nella cucina cinese per il suo sapore delicato e consistenza croccante; le foglie più giovani si mangiano cotte o crude; gli steli, sbucciati e cotti, hanno un sapore simile a quello delle barbabietole, ma si possono usare anche per aromatizzare il tè; i semi, possono esser mangiati secchi, cucinati come pop-corn o ridotti in polvere e aggiunti ad impasti. I petali dei fiori si possono aggiungere alle zuppe o utilizzare come guarnizioni.

Curiosità: il Loto è considerato un fiore sacro sia per l’Induismo che per il Buddismo, ed è il fiore nazionale dell’India e del Vietnam. Il Nelumbo nucifera, nella tradizione orientale, è simbolo di purezza ed ha un forte significato spirituale; esso infatti affonda le radici nel fango, distende le foglie sulla superficie di acque stagnanti ed esce immacolato e grandioso: è la rappresentazione di colui che vive nel mondo senza esserne contaminato. Per i buddisti il Loto simboleggia, infatti, il più alto livello di coscienza, l’illuminazione, la rinascita, il Buddha. Nell’Induismo il loto rappresenta il centro dell’universo: la leggenda narra che Lakshmi, dea della fortuna, della bellezza e prosperità nacque proprio da questa pianta sbocciata sulla fronte del dio Vishnu. Ma il loto è presente anche nella storia della creazione in Egitto: Ra, il dio del sole, apparve per la prima volta innalzandosi dai petali di un fiore di loto. Ed è proprio in Egitto che pare siano stati rinvenuti, in epoca moderna, alcuni semi di loto di età faraonica che ancora conservavano la loro germinabilità.

a cura di pianteinnovative.it





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.