2014-09-16 02.56.53 pm

Continuo a pensare che la noia sia una componente fondamentale delle sventure storiche, ma ora sto dando sempre più importanza anche alla stupidità. (…)

Gli evidenti e numerosi mali che ci affliggono sono, causati dall’attività incessante di coloro che spontaneamente cospirano più di ogni altro ai danni della felicità umana: cioè, gli stupidi. Non bisogna
confondere gli stupidi con gli scemi, con le persone di scarsa luce intellettuale: possono essere anche stupide, ma il fatto di essere poco brillanti le salva quasi del tutto dal pericolo. Invece ciò che è veramente allarmante è che un premio Nobel, un politico, un professore o un ingegnere di spicco possano essere stupidi fino al midollo, a prescindere dalla loro competenza professionale. (…)

In effetti, guardandosi intorno, ci si potrebbe convincere che l’abbondanza di stupidi sia sufficiente a spiegare la portata dei guai in cui ci troviamo. Siamo sette miliardi di esseri umani sul pianeta e crediamo di poter vivere con gli stessi modelli che furono sufficienti per la metà o per un quarto della popolazione attuale. Centinaia di milioni di esseri umani muoiono di fame e le risorse economiche vengono sperperate negli armamenti e nel marmo dei ministeri, mentre il Papa e altri devoti raccomandano di avere tutti i figli che è possibile, perché il contrario è peccato. L’ozono del cielo, l’acqua dei mari e le foreste della terra vengono sacrificati come se poi conoscessimo la maniera di ripristinare ricchezze tanto indispensabili. No, bisogna certamente dare alla stupidità tutta la sua enorme importanza: senza la sua entusiastica collaborazione, la vita umana sarebbe un’avventura più o meno intensa, ma senz’altro mancherebbe dei suoi principali soprassalti collettivi. (…)

Tratto da “Discorso sulla stupidità” dal Dizionario Filosofico di Fernando Savater

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.