In Australia hanno messo in moto il primo treno a energia solare. Byron Bay Train è un trenino di 70 anni fa che copre una tratta di 3 km nel New South Wales, tra il resort turistico Elements of Byron Bay e la città marittima di Byron Bay.

Il direttore del resort volle rimettere in funzione il vecchio veicolo ma la popolazione locale non gli diede il benestare per la presenza non certo ecologica dei due motori diesel del treno. Ed ecco l’idea di Brian Flannery, restaurare completamente il convoglio, lasciando la veste antica ma aggiungendo un cuore a energia solare, il tutto per un costo di 4 milioni di dollari.

La presenza di pannelli solari sui treni non è certo una novità, ma l’energia raccolta viene utilizzata come supporto a quella di linea, generalmente per sopperire alla richiesta di aria condizionata o illuminazione dei vagoni. In questo caso i pannelli  da 6.5 kilowatt, insieme alla stazione di ricarica (sempre a energia solare) garantiscono alla batteria una carica sufficiente per compiere dai 12 ai 15 viaggi. La locomozione è quindi completamente a energia solare, anche se è stato mantenuto uno dei due motori diesel per questioni di sicurezza. Il convoglio garantisce gli spostamenti dei turisti e curiosi per un totale di 100 passeggeri.

La tratta è sicuramente breve e il numero di passeggeri limitato (anche se si tratta comunque di un numero di persone nettamente superiore alla capacità di un autobus per esempio), ma è anche vero che allevia il traffico stradale e a livello di stato dell’arte dona una spinta ulteriore per migliorare questa tecnologia.

 

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.