HipHop skillz

L'Hip Hop istiga gli adolescenti all’alcolismo?

L'Hip Hop istiga gli adolescenti all’alcolismo?“A tuo figlio hai dato una buona educazione? / Non dovresti aver paura che lo renda un criminale una canzone”.

Una frase semplice che da pace a decenni di ricerche sociologiche e psicologiche. Una rima di Dydo (Huga Flame) che risolve in modo spicciolo un dilemma e un cruccio che da anni tormenta esperti di settore e genitori isterici. Eppure una giustificazione a figli alcolisti, drogati, indisciplinati e in preda al suicidio lo si deve pure trovare. E dal momento che sicuramente non è mai colpa della famiglia ,perché non andare a ricercare la causa nella musica? E se l’Heavy Metal viene accusato di essere portatore di ansia, malessere, aggressività e suicidio, ecco che il Rap sembra essere un buon conduttore nell’istigazione all’Alcolismo degli adolescenti. A dirlo sarebbe il risultato di una ricerca dell’Università di Pittsburgh.

Facciamo ordine: i ricercatori prendono in esame un campione di 793 brani Rap ed RnB (fra i più ascoltati nelle radio,nei locali e nei programmi televisivi degli USA) e attestano che oltre il 25% di questi fa menzione a prodotti alcolici  indicando nomi di  liquori e drink.
E se non possiamo evitare di sminuire questi dati e l’ulteriore  statistica in base alla quale l’adolescente medio Americano ascolta in media 150 minuti di musica al giorno, possiamo però valutare quest’ultimo dato  come irrilevante ai fini della ricerca condotta a Pittsburgh. Secondo la mia opinione, al contrario della tesi suddetta, non sussiste una correlazione logica. Non vedo inoltre come sia dimostrabile che chi ascolta queste hit  specifiche sia più portato a ubriacarsi rispetto a chi non le ascolta. Eventualmente sarebbe più utile prendere un campione di ragazzi che con certezza fanno uso di alcool  e indagare circa la musica che essi ascoltano più frequentemente. La ricerca fa inoltre notare come sia stretto il legame fra i Rapper e i Marchi di prodotti Alcolici. E’ vero infatti che fra gli sponsor di Snoop Dogg troviamo il Landy Cognac, mentre P.Diddy ha promosso la Ciroc Vodka. Assolutamente vero.

L'Hip Hop istiga gli adolescenti all’alcolismo?

Ma quindi? La ricerca prosegue facendo notare che dopo l’uscita del singolo di Busta Rhymes e P.Diddy  – Pass the Courvoisier viene calcolato un  aumento di vendita pari al 19%  del Cognac  COURVOISIER proprio nella variante XO, quella scelta nel VideoClip. Sarei tuttavia curiosa di sapere come hanno certificato che gli acquisti  siano stati effettuati prettamente da adolescenti,soprattutto considerando il prezzo della singola bottiglia. Io non voglio togliere credito o valore a questi ricercatori,ma credo sia giusto avere sempre una duplice visione e spiegazione dei fatti. Dire che il Rap crea e diffonde alcolismo è sbagliato. E lo è fino a prova contraria. A me non basta sapere una percentuale e collegarla al fatto che molti adolescenti POTREBBERO (parola chiave!) ascoltare queste canzoni e POTREBBERO avere voglia di simulare i loro miti. Si tratta sempre di probabilità. A questo punto (se la legge della simulazione non da spazio a ulteriori ipotesi!) le ragazzine e il seguito del bellissimo George Clooney avrebbero un’altissima dipendenza da Martini. O sono esclusivamente i colossi del Rap a dare un cattivo esempio e a traviare la mente dell’adolescente? Siamo in grado di dimostrare anche questo, ammesso che sia regola certa per quanto riguarda l’ambito HipHop? Ad ogni modo, l’incremento delle vendite è di facile spiegazione per chi di fatto conosce le regole del mercato e della potenza del mezzo pubblicitario.

L'Hip Hop istiga gli adolescenti all’alcolismo?Il pezzo specificatamente incriminato -Pass the Courvoisier- ha avuto un utenza molto più larga della mera fascia 13-16 anni. Le Radio e i programmi televisivi negli States sono seguiti da un altissimo numero di persone. Qualsiasi individuo, ascoltando casualmente il pezzo, avrebbe potuto far riemergere la voglia della fantastica miscela di cognac invecchiata trent’anni. Voglia facilmente soddisfabile se si considerano poi le strategie  promozionali di vendita quasi sicuramente applicate. Tralasciando queste noiose considerazioni, resta il fatto che i problemi dei giovani POSSONO (in percentuale minima!) essere causati dal mondo circostante nel suo complesso: i telefilm, la simulazione dei miti, la Tv, il branco, i Videogame e anche la musica. Ma resta il fatto che primariamente deve essere la famiglia il punto di riferimento. Quest’ultima deve essere in grado di educare e di insegnare cosa sia reale o cosa no. Cosa è male e cosa è bene. Il problema non è una singola birra a sedici anni, ma chi alla stessa età ha cento euro nel portafoglio da spendere in drink e alcolici. Qui ci sarebbe un primo e scontato interrogativo. Accusare un genere musicale, una disciplina, un arte, un programma Tv o altro di PROVOCARE l’alcolismo ( tra l’altro ricordo che l’alcolismo è una sindrome patologica cronica e non saltuaria!), senza considerare i fattori genetici e ambientali, è grave e non sufficiente. Concludo ricordando Tormento e alcuni bellissimi versi, che hanno emozionato l’Italia dei giovani e non solo, chiedendomi se e quanti ragazzini abbiano intrapreso la strada dell’alcolismo dopo questo pezzo: “Forse e’ l’effetto del succo alla pera corretto / Io ci sto dentro quindi non perdiamo tempo” –  “Ricordo ancora il mio primo bicchiere di gin e per questo ringrazio e saluto il mio fratello Bottacin” – “Oh babe tu mi fai volare in alto / mi ribalti come una birra doppio malto “…

————————————————————————————————————————————————

Selene EllZed Grandi

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button