High times

L’ex prigione federale di New York è stata trasformata in un centro di produzione di cannabis


L’ex prigione federale di New York è stata trasformata in un centro di produzione di cannabis del valore di 150 milioni di dollari. Ve ne avevamo già parlato quando la notizia aveva iniziato a circolare negli Stati Uniti, e allora si parlava di un futuro centro di analisi.

E invece la società Green Thumb Industries ha investito per creare quello che ad oggi potrebbe diventare uno dei centri più grandi del paese per la produzione di cannabis legale.

Alla cerimonia per la posa della prima pietra del nuovo impianto ad inizio ottobre Ben Kovler, presidente di GTI, ha sottolineato il valore simbolico di questa operazione.

“L’ironia di costruire un impianto di cannabis vicino al terreno di quella che era una prigione federale non ci sfugge”, ha detto Kovler. “Il cambiamento è davvero nell’aria; il cambiamento sta avvenendo nel paese; il cambiamento sta avvenendo qui. E siamo in grado di passare da un luogo dove la gente veniva rinchiusa per la marijuana [a uno] dove impiegheremo persone e creeremo opportunità, ricchezza e un ambiente economico positivo”.

Le cifre dell’operazione

GTI ha investito 2,8 milioni di dollari per il terreno di 38 acri in un accordo che includeva milioni di dollari in incentivi fiscali per l’azienda. Ora la previsione è quella di sviluppare il progetto in tre differenti fasi, creando 100 posti di lavoro solo nel processo di costruzione. La prima fase della costruzione sarà caratterizzata da un impianto di coltivazione da 60 milioni di dollari. Poi si passerà alla produzione di cannabis con una struttura che avrà un valore stimato di 150 milioni di dollari. Una volta completato, il campus di cannabis della GTI impiegherà circa 150 persone con salari che vanno dai 50mila ai 100mila dollari l’anno.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.