Geopolitica

Lettera aperta del direttore

10547691_750820811626375_577242966042121058_n-415x260Di solito le lettere si scrivono al direttore: questa invece è una lettera del direttore. Precisiamo: io sono soltanto il direttore “responsabile”, perché una legge discutibile impone che ogni giornale sia “firmato” da un giornalista professionista iscritto all’ordine. Il direttore vero – quello che pensa e che lavora – è Matteo. Il mio compito invece si è praticamente esaurito con la compilazione di un certo numero di moduli.

Scrivo queste righe perché sullo scorso numero della “Dolce Vita” un servizio molto informato e molto interessante sulle “guerre dimenticate”, di cui i media non parlano mai, è stato illustrato con alcune foto di una guerra di cui invece si parla (purtroppo) sempre: quella in Medio oriente. La scelta di una fotografia è sempre soggettiva; in un giornale però è anche una scelta politica. Le immagini, come le parole, non sono mai neutrali. Mi ha dunque profondamente infastidito vedere sulla “Dolce Vita” la foto di un bimbo libanese ferito accompagnata dalla didascalia: “I bambini libanesi ricevono i messaggi dei bambini israeliani”.

No, cari amici, questa non è una guerra tra bambini. E sarebbe odioso rispondere con l’elenco dei bambini israeliani che in questi anni sono saltati in aria mentre prendevano l’autobus, andavano al mercato o tornavano da scuola. La guerra è sempre orribile, e non sono i bambini morti a renderla peggiore. Per questo è vergognoso l’uso politico di quella fotografia (tra l’altro, è noto che Hezbollah, cinicamente, ha impedito l’evacuazione dei villaggi che Israele aveva annunciato di voler bombardare, e più di una volta ha allestito veri e proprio set fotografici, con rovine e cadaveri, ad uso dei media occidentali). Ed è sbagliato, credo, profondamente sbagliato, continuare a credere che da una parte ci sia un imprecisato quanto eroico “popolo palestinese” e, dall’altra, l’imperialismo di Israele sostenuto dagli Stati Uniti. Secondo me non è mai stato così: di certo non lo è oggi, dopo l’11 settembre.

Il terrorismo integralista islamico, di cui Hezbollah (come Hamas, come Al Quaeda, come i talebani) è parte integrante, utilizza spregiudicatamente e cinicamente la sofferenza dei palestinesi per seminare il terrore ovunque riesca a colpire. Israele non è sotto attacco perché “nemico” dei palestinesi, ma perché è un paese libero, democratico, occidentale. Proprio come le bombe di Madrid o di Londra, i razzi di Hezbollah che hanno scatenato l’ultima guerra del Libano erano diretti contro di noi: contro noi occidentali, noi laici, noi abituati alla libertà di opinione, di espressione, di religione (e di ateismo).

Non credo alla teoria dello “scontro di civiltà”, ma personalmente non ho alcuna intenzione di rinunciare alle mie libertà personali soltanto perché un integralista islamico ha deciso, per dire, che non si può fare una vignetta su Maometto. Io rivendico, per me e per tutti, il diritto di fare qualsiasi vignetta su Maometto (come sul Papa o sulla Madonna), senza per questo dover girare con la scorta. E’ questa la differenza fra l’Occidente laico, secolarizzato, illuminista, democratico, e l’Islam integralista dei dittatori e dei terroristi: ed è questa la differenza fra Israele e Hezbollah.
Un saluto a tutti!





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.