AntiproibizionismoCannabis lightHigh timesIn evidenza

La Lega vuole vietare immagini pubbliche della pianta di canapa

Non basta il tentativo di eliminare un’intera filiera agricola e industriale: vogliono vietare anche le immagini pubblicitarie, con un pena che prevede il carcere fino a 2 anni e multe fino a 20mila euro

cannabis divieto immagini
Come nel Medioevo, anzi peggio: la Lega ha presentato un subemendamento a quello che vieterebbe la coltivazione di cannabis con bassi livelli di THC, arrivando addirittura a chiedere di vietare immagini che raffigurino la pianta di canapa (intera o anche parti di essa), su “insegne, cartelli, manifesti e qualsiasi altro mezzo di pubblicità per la promozione di attività commerciali”.

VIETATE LE IMMAGINI PROMOZIONALI DELLA PIANTA O PARTE DI ESSA

Insomma: non solo il governo sta provando con ogni mezzo a cancellare un’intera filiera agroindustriale che va dalla cannabis light al CBD, non vuole nemmeno che venga mostrata l’innocua immagine di una pianta (o di un fiore o una foglia) sull’insegna del proprio negozio, sul manifesto di una fiera o di un evento.

La prossima proposta sarà probabilmente quella di bruciare i libri che ne parlano, chiudere i siti internet e i giornali, e arrestare i giornalisti che provano a fare informazione in un settore falcidiato dalla mala politica e dal pregiudizio radicato in oltre un secolo di bugie.

In caso di inosservanza, recita il subemendamento, “è prevista la pena della reclusione da sei mesi a due anni e della multa fino a 20mila euro”. Avete capito in che paese viviamo? I mafiosi hanno il monopolio dello spaccio di cannabis e guadagnano miliardi di euro l’anno senza particolari conseguenze, ma se un onesto negoziante investe per aprire un negozio di canapa, prima cercano di farlo chiudere con processi e accuse aleatorie, e se il malcapitato ancora resiste, se mostra un’immagine della pianta alla base della sua attività, rischia fino a 2 anni di carcere e 20mila euro di multa.

LA PROTESTA DAVANTI AL PARLAMENTO

“Questa mattina abbiamo manifestato davanti a Montecitorio esponendo cartelli con la foglia di cannabis e la scritta ‘arrestateci tutti’. È stato solo il primo atto della nostra protesta contro il subemendamento della Lega che vieta l’utilizzo di immagini o disegni che riproducono la foglia di canapa, su insegne o manifesti, prevedendo il carcere fino a due 2 anni e un multa fino a 20mila euro”, ha scritto ieri il deputato di Alleanza Verdi Sinistra Franco Mari.

La Lega vuole vietare immagini pubbliche della pianta di canapa

 



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio