Le riforme sulla canapa industriale, medica e ricreativa, non stanno interessando solo gli Stati Uniti, perché anche il sud del continente è protagonista dei grandi cambiamenti nelle politiche su questo vegetale e l’ultimo Stato in ordine di tempo a puntare sulla pianta delle meraviglie è l’Ecuador.

Il paese, che ha una forte tradizione agricola e che rappresenta il più grande produttore di banane del mondo, ha infatti reso legale questa estate la produzione di canapa industriale, con THC fino all’1% (come succede ad esempio in Svizzera), e ora sono state emanate anche le linee guida dal ministero dell’Agricoltura.

Si tratta dell’accordo 109, dove, in 48 pagine, viene regolata tutta la filiera canapicola, dalla produzione di sementi alla coltivazione, passando per la trasformazione, la commercializzazione, l’esportazione e altri anelli della catena di produzione.

Il giorno dell’emanazione del regolamento “rimarrà impresso nella nostra memoria come l’inizio di una nuova era per l’agricoltura in Ecuador”, ha detto EcuaCáñamo, l’Associazione ecuadoriana della canapa medica e industriale, in una dichiarazione. “Questo regolamento permetterà un ampio spettro di azioni per coloro che decidono di entrare nel settore agroalimentare, soprattutto per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo, con il potenziale di trasformare il paese in un attore importante in questo settore”. Il sistema funziona con la concessione di licenze ai coltivatori e un registro appositamente creato, che saranno la condizione di base per iniziare la propria attività.

Intanto nel Paese si stanno già studiano i possibili settori in cui iniziare a lavorare e, a sorpresa, uno è quello dell’allevamento dei gamberi. L’Ecuador infatti è il più grande produttore sudamericano e il prezzo in crescita del mais, con cui sono nutriti i gamberi, sta facendo pensare ai produttori di iniziare ad utilizzare la canapa.

Se infatti negli Stati Uniti e anche in Europa il mercato più attraente è quello del CBD, l’Ecuador vede la canapa industriale come un beneficio economico da implementare nel lungo periodo. Secondo Andrés Luque, infatti, che è responsabile della regolamentazione della cannabis presso il Ministero dell’Agricoltura dell’Ecuador: “La nostra visione a lungo termine, come Ministero dell’Agricoltura, è di sviluppare l’industria della canapa”.

Intanto, come altri paesi equatoriali, l’Ecuador si trova ad affrontare la sfida di trovare cultivar industriali di canapa che possano prosperare in un ciclo di 12 ore di luce diurna di un anno. La maggior parte delle varietà di canapa industriale utilizzate oggi in tutto il mondo, infatti, sono state allevate nell’emisfero nord e non hanno un buon rendimento ai tropici.

Fonte: canapaindustriale.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.