Fonte: GreenPeace

Dell’impatto ambientale e di sostenibilità si interessano ormai da tempo anche le grandi aziende del digitale. Alcune modificano le loro politiche in tal senso, altre creano prodotti seguendo standard più green. Lo stesso accade nel mondo delle startup, come nel caso di Cubbit, un progetto italiano promosso su Kickstarter, la piattaforma di finanziamento collettivo per la realizzazione di idee creative.

Cubbit punta in grande, mirando a scalzare colossi come Dropbox, partendo dal presupposto che «tutti i datacenter mondiali consumano più del Regno Unito e Dropbox da solo consuma come la città di Milano». Lo ha spiegato Stefano Onofri, titolare del progetto, che ha ripensato la modalità in cui operano i comuni servizi cloud: «Noi annulliamo la necessità di avere centri di calcolo che assorbono energia per il proprio funzionamento e raffreddamento».

In pratica Cubbit, che ha già raccolto 250mila euro di finanziamenti, tra premi, programmi di innovazione della Commissione europea e acceleratori internazionali del calibro di Barklays e Techstars, funziona attraverso una rete peer-to-peer che, oltre a costare meno in termini di emissioni inquinanti e consumi energetici, ne garantisce la sicurezza rendendo improbabile la perdita e il furto dei dati immagazzinati, essendo questi distribuiti su tanti nodi sparsi in tutto il mondo.

Nell’innovazione verde, Cubbit, va detto, è in ottima compagnia. A dieci anni dal suo lancio, il motore di ricerca Ecosia, creato nel 2009 in Germania, ha superato la soglia di 8 milioni di utenti al mese. Una cifra che si traduce in milioni di alberi piantati grazie a un’idea semplice ma importante per il pianeta che torna più verde attraverso il traffico pubblicitario generato dalle ricerche degli utenti che con un click contribuiscono al bene della Terra. Un gesto non da poco se si pensa alle risorse che impieghiamo navigando: le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, servizi cloud inclusi, sono oggi responsabili del 10% dell’intero consumo energetico mondiale.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.