alcolE’ possibile usare la cannabis nella terapia per la cura dell’alcolismo? Questa la domanda che si è posta Sabina Subbaraman, ricercatrice dell’Alcohol Research Group della California, realizzando una un’analisi della letteratura scientifica riguardante alcolismo e possibili terapie sostitutive. Un tema che, specie negli Usa, ha assunto importanza centrale e potrebbe rappresentare la prossima frontiera della ricerca sulla cannabis in ambito terapeutico.

Secondo la letterattura medica una sostanza per essere considerata una valida terapia contro l’alcolismo deve rispondere a sette parametri:

1) dovrebbe ridurre l’ uso di alcol e i danni ad esso correlati;
2) non dovrebbe determinare danni o almeno essere meno dannosa dell’alcol;
3) il suo abuso dovrebbe essere minore rispetto a quello dell’alcol;
4) dovrebbe essere dimostrato che il suo uso è realizzato in sostituzione all’alcol e non associato ad esso;
5) un suo sovradosaggio dovrebbe essere più sicuro di quello dell’alcol;
6) non dovrebbe potenziare gli effetti dell’alcol;
7) dovrebbe offrire significativi benefici economici per la salute.

I LIMITI DELLE TERAPIE ATTUALI. Sino ad oggi i farmaci considerati più promettenti nella realizzazione di una terapia sostitutiva dell’alcolismo sono il benzodiazepine e gli agonisti GABAergici, tuttavia entrambi mostrano alcune problematiche, e le terapie basate su queste sostanze non sono del tutto soddisfacenti. In particolare le benzodiazepine sono in grado di prolungare il rischio di ricaduta, mentre gli agonisti GABAergici come il Baclofen, se da una lato riducono l’abuso di alcol e migliorano le funzioni epatiche, dall’altro aumentano la sonnolenza alcol-correlata e possono condizionare gravemente le capacità funzionali dell’individuo. Inoltre alcuni agonisti GABAergici come il Clometiazolo possono addirittura diventare fatali se associati all’alcol.

LE POTENZIALITA’ DELL’UTILIZZO DI CANNABIS NELLA TERAPIA. La ricercatrice Sabina Subbaraman ha analizzato le potenzialità della cannabis come terapia sostitutiva sulla base di queste sette caratteristiche, concludendone che tutti i criteri sono risultati soddisfatti o parzialmente soddisfatti (nel senso che la maggior parte degli studi verteva a loro favore, ma non la totalità) ad eccezione del sesto, in quanto in realtà l’assunzione di cannabis insieme all’alcol potenzia gli effetti di quest’ultimo. Secondo lo studio rimangono da verificare altri fattori, occorre in particolare verificare se realmente la cannabis possa rappresentare un sostitutivo sufficente a contrastare il bisogno di assumere alcolici nei casi più gravi di dipendenza. Tuttavia, secondo la ricercatrice dell’Alcohol Research Group, le potenzialità emerse da questa prima analisi dovrebero convincere i ricercatori medici a studiare approfonditamente le potenzialità della cannabis anche in questo settore.





5 Comments

  1. Ho "curato" tanti anni fa un'amica dipendente da eroina con massicce dosi di Charas. Mi piombò in casa che pesava 35kg. Certo la notte si svegliava con dolori tremendi, ma in dieci gg era ingrassata otto kg, grazie alla fame" chimica". Ricordo che aveva con lei alcune bottigliette di Eptadone (credo Metadone). Mai usato, solo hashish e piattoni di pastasciutta.

  2. confermo , si puo' fare , uscito da eroina circa 10 anni fa , anche io a colpi di cannoni 😀

  3. a via.. bisogna farla SANTA kuesta erbetta tiene 1000 usi……

  4. Francesco Lazzari says:

    Ho "curato" tanti anni fa un'amica da anoressia con l'uso di cannabis. Dopo circa 2-3 mesi ha ripreso a mangiare per via della fame chimica, ora vive normalmente e serenamente la sua vita

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.