«Se approvano la legge sulla legalizzazione siamo rovinati», dicevano anche questo, tra loro, i membri della banda camorrista sgominata in Abruzzo. 23 persone (11 arrestati e 12 indagati) che gestivano un traffico di tonnellate di cannabis soprattuto nella provincia dell’Aquila.

Nei tre anni di indagini i carabinieri del capoluogo abruzzese hanno costantemente tenuto sotto intercettazione il clan, ascoltando i dialoghi tra i suoi membri. A raccontarne i contenuti è stato il colonnello Antonio Servedio, comandante provinciale dei carabinieri, che in conferenza stampa ha sottolineato una particolare apprensione emersa dalle conversazioni. «Nelle intercettazioni – ha spiegato il comandante – si coglie una certa preoccupazione per l’eventuale approvazione di una legge per la legalizzazione delle droghe leggere. Gli intercettati, infatti, facevano riferimento all’impatto economico che la liberalizzazione potrebbe avere sugli affari e sugli interessi delle organizzazioni criminali».

Agli affiliati del clan sono stati sequestrati oltre 5,6 tonnellate di cannabis, per un valore di mercato di alcuni milioni di euro. I camorristi sono evidentemente consapevoli che questi introiti sono possibili solo grazie al proibizionsimo, che obbliga i consumatori a rifornirsi di cannabis sul mercato illegale gestito dai clan, anziché attraverso l’autoproduzione o altri canali legali.

Che il proibizionismo sia il migliore alleato delle mafie è un’ovvietà ammessa da anni da decine di giudici, ma ancora avversata dai proibizionisti stessi, che spesso l’hanno contestata con motivazioni risibili o citando a sproposito alcune parole (ormai di 30 anni fa) del giudice Paolo Borsellino. Ora arriva la conferma diretta da parte della malavita, sperando che il nuovo Parlamento – dove a breve con ogni probabilità vedremo convivere al governo Movimento 5 stelle e Lega, che sull’argomento hanno idee opposte (per la legalizzazione il movimento di Di Maio, fermamente contrario quello di Salvini) – sappia trarre le ovvie conclusioni e procedere finalmente e velocemente ad una riforma delle leggi sulla cannabis.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.