Scena di rituale di cura. L'uomo ammalato è un faraone (Semenkhara o Akhenaton), che è assistito dalla regina (Meritone o Nefertiti), che tiene in una mano due frutti di mandragora e nell'altra un mazzo di ninfee (cfr. Emboden 1989). Rilievo policromo del 1350 a.C. circa. Museo Egizio di Berlino.

Scena di rituale di cura. L’uomo ammalato è un faraone (Semenkhara o Akhenaton), che è assistito dalla regina (Meritone o Nefertiti), che tiene in una mano due frutti di mandragora e nell’altra un mazzo di ninfee (cfr. Emboden 1989). Rilievo policromo del 1350 a.C. circa. Museo Egizio di Berlino.

Gli studi archeologici ed etnobotanici hanno rivelato che il prelato dell’antico Egitto utilizzava i seguenti vegetali psicoattivi per effettuare “viaggi nell’al di là”: ninfea, mandragora e, forse, una specie di datura (Emboden, 1995). Altre droghe psicoattive erano costituite da cannabis, giusquiamo (Hyoscyamus muticus L.), birra di dattero, di orzo e di melagrana, vino di palma e d’uva, semi di ruta siriaca (Peganum harmala), e una specie di lattuga. La ninfea egiziana (Nymphaea caerulea) è dotata di proprietà narcotiche, la mandragora (Mandragora sp.) è caratterizzata da proprietà allucinogene. La mandragora era associata alle divinità Ra e Hator (Heinrich, 1918). La presenza di papavero da oppio (Papaver somniferum L.) nella cultura egizia è oggetto di forte discussione. In particolare, studi critici confermerebbero la sicura presenza di questa droga solo a partire dall’età ellenistica (III° secolo a.C.), nonostante la moltitudine di studiosi che, in maniera un po’ acritica, riportano la sua presenza a partire dalla XVIII Dinastia (cfr. Nencini 2004).

Nell’arte egizia le raffigurazioni di ninfea e mandragora iniziarono nella Quinta Dinastia (2560-2420 a.C. circa) e continuarono sino al Periodo Tolemaico (330-323 a.C.). Queste due piante appaiono intimamente associate fra di loro nella documentazione archeologica.

E’ stato ipotizzato che il prelato egiziano mescolasse insieme le droghe – mandragora, ninfea e, forse, oppio – per ottenere un potente veicolo, chiamato didi, per raggiungere profondi stati di coscienza in uno stato di coma apparente (Emboden, 1989). Queste esperienze ad interpretazione religiosa erano molto probabilmente esclusive per la casta prelatizia. Numerosi “unguentari” ritrovati nelle tombe reali, ritenuti in precedenza contenitori per profumi, stanno ora rivelando una funzione più realistica, e cioè quella di flaconcini di “elisir per trasformarsi in dei”, dai potenti effetti psicotropi.

 

Una specie di lattuga selvatica (L. serriola L.), dalle ritenute proprietà afrodisiache, era associata al dio itifallico Min (Germer, 1980; Harlan, 1986; Keimer, 1924). Da questa specie gli antichi Egiziani ottennero per assidua selezione la lattuga da orto, che fu in seguito diffusa in tutto il Mediterraneo. Il lattice essiccato della lattuga selvatica, noto nella cultura classica e medievale come lattucario, era la droga psicoattiva. A basse dosi fu impiegata in Europa come droga simil-oppiacea, mentre a dosaggi maggiori fu impiegata nell’antico Egitto come stimolante e associata al culto del dio Min (Samorini 2003-4, 2006).

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.