Shantibaba's bag of dreams

Le bugie fanno male, ma la verità ci sta uccidendo tutti (Seconda parte)

un-campo1

Disgustato nel vedere che lo “schifo” mostra la via…

Ultimamente mi sveglio e mi sento irritato dal momento in cui i miei occhi si posano sul mondo. Adesso stiamo arrivando al punto da definirlo Disgustoso. Ciò di cui la razza umana è capace sommato a tutto ciò che sta succedendo adesso è più che preoccupante, e io ne faccio parte!

So che esistono sempre soluzioni ai problemi se si è disposti ad affrontarli e a pensare fuori dagli schemi. Io ho figli, quindi penso molto al futuro.

Mi sento deluso dai legislatori, dalla legge, dagli avvocati, dal nastro rosso legale. Mi sembra che queste persone vivano in una realtà parallela alla mia. Io davvero non capisco come il loro modo di pensare permetta alle leggi umane di agire al di sopra delle leggi di Natura e ai cambiamenti evolutivi. Sono certo che loro non possiedano le risposte ma vendono concetti che causano ritardi, finché non trovano soluzioni temporanee. Loro guadagnano dal procrastinare, ma il tempo è un bene di cui non disponiamo illimitatamente!

Ho chiesto a molti colleghi e membri del forum come si sentono, cosa li preoccupa e cosa li rende felici. Le risposte erano simili per ogni parte di mondo. Quindi qualcosa sta succedendo, e me ne rendo conto, ma dal momento che lo percepisco soltanto e non lo vedo realmente, mi sento un po’ agitato.

Ultimamente, e grazie allo stato delle cose nel mondo, stiamo assistendo ad un’evoluzione di pensiero nel sim- patizzare per l’uso della Cannabis nell’ambito medico, e alla guida ci sono gli Stati Uniti d’America. Considerando che al mondo ci sono molti più stati oltre agli USA, cosa devono fare i pazienti di quei paesi non simpatizzanti? Desideriamo evitare che infrangano la legge dei loro paesi alla ricerca di sollievo facendo qualcosa di più che guardare una pianta crescere.

Abbiamo delle sfide davanti, senza dubbio! Ma, con i pazienti terminali, dove le cure a base di farmaci non danno alcun sollievo ma effetti collaterali, la Cannabis offre conforto e sollievo. Quindi, chi sano di mente negherebbe il sollievo a queste persone, specialmente quando la medicina tradizionale non ottiene alcun risultato? Sono considerati i lebbrosi dei giorni moderni. Nessun professionista offre più di un cerotto per l’ulcera perforate di tutti questi pazienti! Molti dottori, ultimamente, stanno visitando i nostri siti internet e fanno, privatamente, domande pertinenti. Si stanno formando le loro idee ma le prove a sostegno della Cannabis sono sempre di più senza contare che il suo uso da parte del genere umano, in termini di tempo, è decisamente maggiore all’uso dei farmaci, che sono apparsi solo circa 100 anni fa.

Non ha importanza la ragione morale del comportamento di ogni Paese rispetto ai farmaci in passato, adesso è ora che la Cannabis splenda! Le persone, la cui condizione medica può essere certificata da un medico, devono avere il diritto di scegliere la loro cura! Non sto suggerendo a nessuno di infrangere la legge vigente nel suo Paese, ma è tempo di preparare la strada agli altri Paesi per seguire una legge degli USA che sta prendendo forma mentre parliamo, e costruire un monumento che un giorno sarà una chiave di volta.

Perché qualcuno, eletto solo per poco tempo, dovrebbe speculare sui ritardi, lasciandoci tutti in un limbo? Io la vedo così… se un paziente terminale viene da me o fa domande sul mio sito su come coltivare, pronto a comprare i semi e a passare attraverso tutto il ciclo, le prove e le tribolazioni per avere un prodotto finito… piuttosto che prendere una prescrizione dal medico, allora io sono tutt’orecchi, e pronto a fare tutto ciò che è in mio potere per aiutarlo. Ovviamente è difficile tracciare una linea e discutere quale sia il confine tra uso medico e ricreazionale per qualsiasi farmaco, perché ci saranno sempre molte persone che lo usano bene e poche di loro che ne abusano.

Provare la propria condizione medica o psicologica tramite una tradizionale lettera del medico sarebbe già qualcosa di buono da possedere se sei un utilizzatore in un Paese che non permette l’uso di Cannabis. Ovviamente sarebbe preferibile un uso privato e non pubblico. Stabilire uno standard personale senza che ci venga detto è il modo per guidare questa spinta al cambiamento. Seguire le linee guida per alcool e tabacco sarebbe buono se questi due non avessero causato problemi fiscali e di salute pubblica ai governi.

Creare associazioni mediche o club sarebbe un buon punto d’inizio, e chiedere aiuto a club statunitensi già esistenti sarebbe una cosa ovvia per iniziare questo processo.Avvicinare dottori che comprendono il problema a livello personale e scrivere raccomandazioni per l’uso della Cannabis come alternativa sarebbe un passo importante per assicurare un’organizzazione medica. Aiuto online da altre comunità mediche con la stessa linea di pensiero rappresenterebbe un passo verso la legittimazione dell’uso medico. Il potere dei numeri è sempre importante quando si cerca di cambiare regole e leggi arcaiche. Sarebbe molto difficile per un giudice mandare dietro le sbarre un paziente terminale per aver coltivato e fatto uso di Cannabis come trattamento per alleviare la sofferenza!

Per cancellare l’indignazione del presente, e trovare una soluzione vivibile e praticabile ogni giorno, dobbiamo cambiare tutti il modo in cui vediamo le cose. Dobbiamo guardare un quadro generale più grande e capire che dobbiamo lavorare insieme dalla stessa parte per migliorare le cose per chi soffre nel mondo. Abbiamo bisogno dei nuovi lavori che questa pianta può fornire come risultato del suo uso.

Dobbiamo essere organizzati ed equipaggiati con gli strumenti per riscrivere le leggi dei tempi moderni. Dobbiamo raccogliere dati e test di laboratorio così da presentare scientificamente il nostro caso per l’approvazione. Ci siamo dentro insieme, anche se non siamo d’accordo su altre questioni, e dobbiamo rimanere concentrati. L’agitazione che provo potrebbe essere la vibrazione e il ronzio dell’imminente cambiamento, e sono impaziente! Quindi, non importa cosa pianificano per noi, perché possiamo dirigere le cose se la passione e lo spirito sono uniti. I problemi di salute solitamente uniscono questi due aspetti dell’essere umano con un risultato positivo. Ricordiamo però che ogni montagna viene scalata un passo alla volta con l’armonia nel corpo e nella mente… il resto vien da sé.

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button