Un recente studio pubblicato su Plos One da un team di ricercatori statunitensi e australiani sostiene che aggiungere delle alghe nel mangime per bovini potrebbe ridurre fino all’82%  le emissioni di metano prodotte dai bovini da carne. Un risultato che potrebbe aprire la strada alla produzione sostenibile di bestiame in tutto il mondo.

La principale autrice dello studio Breanna Roque, del Department of animal science dell’UC – Davis, dice che: «Questo potrebbe aiutare gli agricoltori a produrre in modo sostenibile la carne bovina e i prodotti lattiero-caseari di cui abbiamo bisogno».

All’UC – Davis ricordano che «I gas serra sono una delle principali cause del cambiamento climatico e il metano è un potente gas serra. L’agricoltura è responsabile del 10% delle emissioni di gas serra negli Stati Uniti e la metà di queste proviene da mucche e altri ruminanti che eruttano metano e altri gas durante il giorno mentre digeriscono foraggi come erba e fieno». Dato che i bovini sono la principale fonte agricola di gas serra, sempre più studi evidenziano che, se vogliamo davvero limitare il riscaldamento globale, dovremmo mangiare meno carne.  Invece, questo studio punta sulla nutrizione del bestiame: «Solo una piccola parte della terra è adatta alla produzione agricola. Molta più terra è adatta solo al pascolo, quindi il bestiame svolge un ruolo fondamentale nell’alimentazione dei 10 miliardi di persone che presto abiteranno il pianeta. Poiché gran parte delle emissioni di metano del bestiame proviene dall’animale stesso, la nutrizione svolge un ruolo importante nella ricerca di soluzioni».

I risultati di un gruppo di assaggio della carne dei bovini allevati con le alghe non hanno rilevato differenze nel sapore della carne di manzo nutrito con alghe rispetto a un gruppo di controllo. Test simili con bovini da latte hanno dimostrato che le alghe non hanno alcun impatto sul gusto del latte.  Inoltre, gli scienziati stanno studiando modi per coltivare il tipo di alghe Asparagopsis taxiformis che il team  ha utilizzato nei test. Infatti, in natura non ce ne sono abbastanza per un loro utilizzo esteso negli allevamenti.

Un altro problema  è come fare a dare questi integratori alle alghe al bestiame che vive allo stato brado nei pascoli.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.