Quando i media dedicano servizi alle meraviglie del mondo, spesso fanno riferimento a siti di rilevanza architettonica e storica sparsi per il globo. Qui ne diamo una versione alternativa che mette in mostra le meraviglie del mondo naturale in cui è la natura a farla da padrone. Nel corso dei millenni la natura ha creato luoghi unici nel loro genere. Per lungo tempo alcuni di questi sono rimasti sconosciuti ai più e solo così sono riusciti ad arrivare fino a noi mantenendo le caratteristiche che li rendono particolari. Il consiglio è quindi quello di visitare questi e tutti i luoghi in genere in punta di piedi, rispettandoli e tutelandoli il più possibile.

1) Table Mountain, Sudafrica
Appena si arriva a Città del Capo, la sua meraviglia naturale la si scorge quasi subito. La Table Mountain, la sua montagna che sembra sempre sorvegliarla. Una visita alla Table Mountain è adatta a tutti, va solo programmata tenendosi alcuni giorni di flessibilità. Sia infatti che si visiti la città in estate o in inverno, spesso la cabinovia che vi ci porta, può essere chiusa per vento. In estate inoltre, essendo bassa stagione in Sudafrica, può essere soggetta a manutenzione anche per più di una settimana. Ad ogni modo sulla Table si arriva anche percorrendo un impegnativo sentiero di trekking.
La vista che si può ammirare su tutta la città insieme all’oceano che l’accarezza è unica e mozzafiato. Una volta giunti su, se non c’è nebbia, si possono percorrere diversi sentieri o semplicemente godersi il panorama. I principali vialetti sono tutti asfaltati e quindi percorribili da tutti.

2) Baia di Ha Long, Vietnam
Trascorrere due giorni nella magnifica Ha Long Bay durante un viaggio nel cuore del Vietnam è una tappa quasi obbligata per qualsiasi viaggiatore. È un luogo di magica meraviglia, in cui la leggenda legata alla nascita di questo luogo sembra più credibile di qualsiasi spiegazione data dai geologi. Si narra infatti che le montagne calcaree che punteggiano il mare si siano formate nell’antichità, quando un dragone formò l’arcipelago sbattendo la coda nell’acqua.
Il miglior modo per immergersi nella natura dirompente di Ha Long Bay è a bordo delle giunche che accompagnano i viaggiatori lungo le cinque rotte della baia. A bordo dell’imbarcazione, che procede lentamente quasi a non voler disturbare la fauna che popola le montagne, Ha Long Bay si svela poco a poco lasciando qualsiasi visitatore – anche il più esperto – attonito. Un arcipelago che stupisce tutti e cinque i sensi, non solo la vista, con la sua ricchezza di suoni, odori e acqua densa, che tiene a galla anche i nuotatori più incerti grazie alla sua salinità intensa.

Baia di Ha Long, Vietnam

3) Cascate dell’Iguazù, Brasile
Le cascate di Iguazù disegnano il confine tra Argentina e Brasile. Eleanor Roosevelt disse che le Cascate del Niagara sono “un rubinetto che perde” rispetto a quelle di Iguazù: queste ultime – con i loro 2,7 km di estensione – sono infatti quattro volte più grandi.
Entrambi i versanti delle cascate meritano un giorno di visita, ma, dovendo scegliere, vi consiglierei il lato brasiliano. In Brasile la cascata più maestosa – la Garganta del Diablo – dà davvero il meglio di sé; inoltre nel paesino di Foz do Iguaçu potrete visitare il Parque das Aves, lo strepitoso parco degli uccelli. Non è uno zoo, ma un rifugio per uccelli tropicali feriti o salvati dal contrabbando. Qui potrete ammirare un’avifauna coloratissima, il cui protagonista indiscusso è il tucano.

4) Fiume sotterraneo di Puerto Princesa, Filippine
L’Underground River (che significa letteralmente “fiume sotterraneo”) è un letto d’acqua dolce custodito all’interno di una grotta nelle Filippine. Più precisamente il fiume si trova a Sabang, a circa due ore dalla provincia di Puerto Princesa nell’isola di Palawan che detiene il titolo di isola più bella al mondo da diverse classifiche celebri tra cui Conde Nast.
Non è solo l’isola di Palawan ad aver dei riconoscimenti. Infatti l’Underground River detiene tanti trofei e titoli nel suo “curriculum”. Appena raggiungerete questo angolo delle Filippine vi ritroverete su una baia mozzafiato circondata da palme fitte e acqua cristallina. Sin dal primo momento in cui entrerete dentro al fiume sotterraneo, mentre la barca scivola sull’acqua, i vostri sensi saranno riempiti da suoni e sculture interamente scolpite dalla natura e dal tempo. Incontrerete forme talmente realistiche e precise da stropicciarvi gli occhi e chiedervi se la natura abbia le mani di un uomo.

5) Foresta Amazzonica
Entrare in Amazzonia è navigare un fiume di cui la tua immaginazione non può cogliere la grandezza. Entrare in Amazzonia è vedere migliaia di tarantole girarti intorno ai piedi. Entrare in Amazzonia è fare il bagno nelle zanzare più affamate della storia. È vedere centinaia di aironi che volano intorno a te come accompagnassero le tue escursioni in una danza. È osservare una baby-anaconda sperando di non incontrare la sua mamma. È dormire ascoltando i suoni della foresta. È fare il bagno nel fiume insieme ai delfini rosa. È sentire il tuo corpo allinearsi alla sua natura più vera, più recondita. I capelli assorbono l’umidità degli alberi, il corpo prende l’odore del fiume, gli occhi diventano più vigili, il battito cardiaco cambia di momento in momento. L’Amazzonia è uno di quei luoghi del mondo dove tu diventi tu e null’altro.

6) Isola di Juju, Corea del sud
L’Isola di Juju in Corea del Sud è anche soprannominata l’isola dei vulcani. Più di 300 sono infatti i piccoli vulcani sparsi per l’isola tra cui spicca il vulcano Hallasan, il più grande e il più alto. Particolari e interessanti sono poi i tunnel di lava chiamati Oreum. Questi condotti un tempo attraversati dalla lava, sono oggi grandi tunnel vuoti spesso usati per ricerche scientifiche ma anche per escursioni turistiche.
Un’isola decisamente particolare che seppur poco conosciuta rientra di diritto tra le sette meraviglie del mondo naturale.

7) Isola di Komodo, Indonesia
L’Isola di Komodo in Indonesia deve la sua fama alla presenza di una particolare lucertola gigante definita per le sue dimensioni come il drago di Komodo. L’isola che si trova nel Mar di Flores, ha rischiato di essere interdetta al turismo proprio per preservare questa specie di flora così particolare.
Oggi è possibile accedere al parco naturale dichiarato anche patrimonio Unesco, solo tramite biglietto d’ingresso e con guida. Villaggi rurali e spiagge si alternano dunque a fauna e flora unici nel loro genere.

Isola di Komodo, Indonesia

Oltre le parole blog
Una finestra sul mondo in cui si parla di viaggi, di consigli utili e di suggerimenti per chiunque abbia viaggiato o voglia farlo nella vita





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.