img4Il nostro viaggio alla scoperta del luppolo e della birra questa volta ci porta in America e più precisamente a Easton, in Pennsylvania, al birrificio Weyerbacher. Giovane birrificio nato nel 1995 da Dan e Sue Weirback figli di immigrati di origine tedesca, durante i primi anni furono prodotte birre in stile pale ale e bitter, in seguito birre scure in stile stout e barley wine. Nel 2001 il birrificio si trasferisce in una nuova struttura più grande dove la produzione aumenta e inizia un nuovo percorso più diretto verso la ricerca di nuove birre in stile americano e quindi con l’utilizzo di luppolo in dosi più massicce.

La prima birra che andremo a conoscere è la Last Chance Ipa, l’ultima occasione che si offre agli animali domestici abbandonati a cercare una nuova casa attraverso parte del ricavato della vendita che viene donato ad associazioni di volontariato. Nella Last Chance Ipa ci sono quattro luppoli americani come il Simcoe, Centennial, Cascade, Columbus, il colore è biondo scuro e la schiuma bianca profuma di fiori bianchi, pompelmo, resina di pino e come una vera Ipa ha un corpo snello, circa 6% alcool e ricorda le stesse sensazioni anche al palato e chiude con un retrogusto amaro ed erbaceo molto piacevole.

img3La seconda birra dello stesso birrificio è la Double Simcoe Double Ipa che utilizza solo Simcoe, della Select Botanicals Group creatori di questo luppolo molto ricco di alfa-acidi (amaro) e oli essenziali profumatissimi. Il risultato è una vera bomba di 9% alcool, la birra è ambrata con schiuma bianca e compatta, la buona base di malto rende un aroma di zucchero candito, seguito dal fruttato esotico di ananas, mango e agrumato di pompelmo rosa, calda e bilanciata, delicata e persistente è una birra che non finisce mai di stupire.
Due birre in stile tipicamente West Coast. Cheersmate!

 

Junkaos aka L’Hop non è mai Trop
www.beershopbari.it





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.