Buone notizie

Il Regno Unito studia misure contro il greenwashing

Il Regno Unito studia misure contro il greenwashing

L’Antitrust britannico ha da poco approvato una prima stesura delle linee guida sul greenwashing, ovvero la strategia di comunicazione di certe imprese, organizzazioni o istituzioni politiche finalizzata a costruire un’immagine di sé ingannevolmente positiva sotto il profilo dell’impatto ambientale.

L’obiettivo di questo documento è appunto quello di tutelare i consumatori dalle pubblicità ingannevoli e le imprese che si comportano correttamente dalla concorrenza sleale.

Le linee guida intendono disciplinare con regole precise le dichiarazioni di sostenibilità. Le affermazioni delle aziende, si legge nel documento, devono essere veritiere, chiare, esaurienti, eque, e supportate da prove valide, inoltre nel definire ecologico un prodotto devono tenere conto del suo intero ciclo di vita, dalla provenienza alle eventuali modalità di smaltimento: in caso contrario è ipotizzabile un’azione legale da parte delle autorità o dei cittadini.

Il documento specifica che è vietato dare l’impressione che un prodotto sia riciclabile, o biodegradabile, se non lo è o lo è solo in minima parte (la percentuale può variare secondo le categorie merceologiche) o alludere a benefici per l’ambiente maggiori di quelli reali. Allo stesso modo, è permesso etichettare un prodotto come biologico solo se la maggioranza dei suoi componenti è biologica. Mentre non è consentito vantare come “ecosostenibili” caratteristiche imposte dalla legge, o che corrispondano alla prassi per quel determinato prodotto: non sarà permesso, ad esempio, promuovere una carta igienica come “priva di microplastiche”, dato che si tratta di sostanze comunque non ammesse.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.