img1

Il problema relativo alla sussunzione della vendita di semi cannabis nello stereotipo normativo, dettato dall’art. 82 dpr 309/90 approda innanzi alla Suprema Corte e trova una soluzione che, presenta caratteri di evoluzione rispetto a precedenti stereotipi giurisprudenziali.

Vediamo innanzitutto quali sono i capisaldi certi della pronunzia del giudice di legittimità.
La vendita dei semi di Cannabis, di per sé, non costituisce ipotesi di reato.
La Corte fissa, infatti, i termini entro i quali non è ravvisabile un comportamento penalmente rilevante; essi consistono in un’attività di vendita asettica, cioè priva di elementi di corollario, che la corroborino quale espressione di una volontà divulgativa dell’uso di stupefacenti.

Sostengono, i giudici di legittimità che, non a caso, la contestualità temporale della vendita di semi assieme a libri, dvd illustrativi specifiche modalità di coltivazione, fertilizzanti e, più genericamente strumenti atti a favorire la coltivazione appare circostanza sintomatica di una situazione d’illecito.

Se per quanto concerne i libri ed i dvd si può convenire con il giudizio della Suprema Corte, attesa la prova dello specifico indirizzo di diffusività della cannabis per fini ludici e di assunzione cui tali oggetti tendono, dubbi, invece, permangono in relazione agli strumenti agricoli menzionati, proprio per il loro carattere di fungibile utilizzo, anche in favore di coltivazioni di natura differente da quella illecita.

Vi è, infatti, di più. La Corte opera un’analisi che è destinata a superare quella posizione giurisprudenziale, che (ai fini della giustificazione della fondatezza dell’ipotesi dell’art. 82) affermava come si dovesse tenere in debito conto la circostanza che la coltivazione costituisce un passaggio necessario per l’uso dello stupefacente.

Per tale indirizzo ermeneutico (Cfr. Sezione IV 8 aprile 2010 deposito del 19 aprile 2010, sent. n. 15083)[1] vigeva, pertanto, il singolare principio che il reato d’istigazione all’uso di sostanze droganti, presupponeva e ricomprendeva al proprio interno, implicitamente, l’attività di istigazione alla coltivazione.

Più volte si è osservato, a contrario, in dottrina ed in giurisprudenza di merito (Cfr. Trib. Bolzano 14 Maggio 2010) come, invece, fosse evidente l’esistenza di una rigorosa distinzione fra le due tipologie di istigazione in esame.

La Corte di legittimità si è, infatti, trovata nella condizione di dovere riconoscere la fondatezza di quel tanto sottolineato discrimine fra le due fattispecie istigatorie, affermando, così, che esso è rinvenibile nel fatto che l’istigazione, di cui all’art. 82 dpr 309/90, è diretta all’uso di droghe – condotta di per sé penalmente irrilevante -, mentre il disposto in combinato degli art. 73 T.U. e 414 c.p. disegna, a propria volta, un quadro d’istigazione differente, perché finalizzato alla commissione di un vero e proprio reato, la coltivazione.

Questo differenza di carattere sostanziale esclude, pertanto, che l’ipotesi dell’art. 414 c.p. possa sopperire, seppure in via subordinata – in qualche modo – nel caso di rilevata insussistenza ed esclusione della tesi principale di istigazione all’uso.

Soprattutto, però, il valore e l’efficacia interpretativa di questa differenza tra le due fattispecie non potrà venire confinata, contingentemente, solo alla presente pronunzia, in quanto essa deve, invece, divenire e costituire principio basilare per pervenire ad una esatta identificazione dei presupposti di fatto e di diritto per la corretta ipotizzazione del reato di cui all’art. 82.

Permane, ancora, nel nostro ordinamento la nozione legale di stupefacenti.
Vale a dire che deve intendersi con tale accezione solo quei prodotti o quelle sostanze, che risultino espressamente inseriti nelle categorie tabellate, oppure che rientrino nel concetto di precursore di cui all’art. 70 dpr 309/90 così come modificato dal d.l. 50/2011.

Deve essere esclusa, in capo alla vendita di semi di Cannabis, la natura di atto preparatorio idoneo ai fini del tentativo punibile ex art. 56 c.p. .
E’ orientamento pacifico, di carattere generale, che l’atto preparatorio debba essere diretto in modo non equivoco alla consumazione del delitto.

Il comportamento del soggetto rientra, dunque, nel concetto di atto preparatorio, quale forma di tentativo punibile ove esso manifesti (Cfr. Cass. Sez. V, 24-09-2009, n. 43255 (rv. 245720) A.S. in www.leggiditalia.it):
a) una potenzialità causale a produrre l’evento illecito
b) l’intenzione dell’agente di commettere il reato.

La Corte, infatti, afferma, in relazione alla specifica tematica, il principio che il possesso (e/o la vendita) di semi di cannabis non costituisce in sé elemento che permetta di dedurre automaticamente la destinazione degli stessi alla coltivazione di piante dalle quali ricavare stupefacente, operando, però, una valutazione nella prospettiva di un’ipotesi di concorso nel reato di coltivazione (art. 110 c.p. 73 co. 1 dpr 309/90).

In relazione a tali premesse, l’osservazione appare condivisibile, ma solo in parte.
Se è vero, infatti, che non si possono addurre meri sospetti congetturali per collegare il possesso (o la vendita) del seme all’autonoma e successiva attività coltivativa, è, però, altrettanto vero, che, per potere ipotizzare il concorso del commerciante-venditore di semi nel reato in questione appare necessario il raggiungimento della rigorosa prova di una partecipazione eziologicamente qualificata del commerciante alla coltivazione.

In buona sostanza, si potrà evocare la sussistenza di un vero e proprio concorso punibile ex art. 110 c.p, solo ove alla vendita di semi si accompagni:
a. la indicazione di specifici consigli su modalità, tempi ed organizzazione della coltivazione,
b. la partecipazione con sopralluoghi del terreno messo a coltura,
c. la fornitura di prodotti specificatamente concepiti per detta attività,
vale a dire, quindi, atteggiamenti sintomatici della volontà di partecipare concretamente all’altrui condotta coltivativa.

Rilevanti perplessità suscita, invece, l’ipotizzazione del concorso nel tentativo di coltivazione, perché appare già di per sé di difficile concezione il tentativo in relazione alla condotta coltivativa.
Vi è, infatti, da domandarsi quali potrebbero essere indici sintomatici dai quali desumere la volontà di commettere un reato, che non si perfeziona per cause esterne alla volontà dell’agente o degli agenti.
La relativa prova appare, poi, ancora di maggiore difficoltà ove si esamini la questione in relazione alla condotta del commerciante, in capo al quale si dovrebbe dimostrare una preventiva adesione psicologica rispetto al disegno dell’agente-acquirente.

IL PARALLELISMO FRA LA PREVISIONE DELL’ART. 82 E QUELLA DELL’ART. 84 T.U.L.Stup.
Rifacendosi alla tematica sollevata dal GUP presso il Tribunale di Firenze, la Corte, opera una verifica in ordine alla coincidenza dei concetti contenuti nelle due norme, onde inferire dall’esito di tale operazione interpretativa un eventuale rapporto di correlazione tra le stesse.

L’art. 82, come noto, governa una situazione di istigazione all’uso di droghe penalmente rilevante, mentre l’art. 84 regola il divieto di propaganda pubblicitaria di sostanze stupefacenti, con sanzioni di natura amministrativa.

Il GUP presso il Tribunale di Firenze, nella propria sentenza, già aveva sottolineato il carattere di subordinata supplettività dell’ipotesi amministrativa, che opererebbe, pertanto, ove venga esclusa la rilevanza penale della condotta attribuita.

Ritiene, su queste basi, il giudice di legittimità che i due concetti si vengano ad equivalere, in quanto il termine preparazione allargherebbe lo spettro della condotta illecita di chi faccia propaganda pubblicitaria.

Permane, peraltro, l’evidenza del fatto che l’istigazione richiede, per la sua verificazione, rispetto alla mera propaganda pubblicitaria del prodotto, quanto meno una pubblica propalazione od esaltazione della qualità delle sostanze stupefacenti, tali prospettare benefici connessi all’uso delle stesse.

Non ci si può, però, esimere dal rilevare, che in relazione al contrasto riguardante l’effettivo inserimento dei semi di cannabis nel novero delle sostanze stupefacenti o psicotrope, la Corte esalta la supremazia della posizione giurisprudenziale (la quale talora ha evidenziato l’attitudine del seme a produrre la pianta) rispetto al dato normativo (che esclude tassativamente la collocazione dei semi nella citata categoria).

Per vero, si tratta di una situazione di discrasia che non dovrebbe avere ragione di esistere, proprio perché – nella fattispecie – la interpretazione giurisprudenziale, pare stravolgere il tenore della norma.

La circostanza che il seme di cannabis sia idoneo a produrre – a certe condizioni di coltivazione – piante è dato naturalistico incontrovertibile.

Non si può, però, incorrere nell’errore (come incorre, a parere di chi scrive, la Suprema Corte) di utilizzare la attitudine naturale e potenziale, quindi, puramente teorica, di una cosa – o di un bene – (nella fattispecie a “far sorgere piante atte a produrre cannabis”) a mutare od evolversi, assumendo caratteristiche che in origine essa non possiede e che la rendono totalmente differente.

Ciò che conta, dunque, nel caso che ci occupa, non è la capacità del seme di trasformarsi in pianta di cannabis, quanto piuttosto, la circostanza che il seme in sé è privo di quel carattere psicotropo, che, invece, connota la pianta.

Dunque, il seme non è collocabile nella categoria degli stupefacenti, perché esso non costituisce un elemento “precursore”, cioè una sostanza od un cannabinoide, che, già di per sé, appaia idoneo a produrre effetti stupefacenti.

E’ certamente evidente, che il seme costituisca un presupposto necessario per la nascita e germinazione della pianta da cui ricavare stupefacenti, ma va ricordato che esso è anche presupposto per la coltivazione di cannabis sativa destinata a scopi industriali, dunque, assolutamente lecita.

Sono, pertanto, le caratteristiche organolettiche presenti in origine che devono essere prese in esame e l’assenza di qualsivoglia traccia di principio attivo, nei semi, costituisce argomento, a parere di chi scrive, del tutto insuperabile, per affermare che non può essere condivisa quella giurisprudenza che vorrebbe ricondurre – seppur in senso lato – i semi di cannabis nel contesto delle sostanze stupefacenti, rendendo il loro commercio illecito.

[1] Tribunale Firenze, Gip, sentenza 23.07.2007 (riformata in toto dalla Corte di Appello Fi 28.11.2008)
Risponde di istigazione pubblica all’uso di stupefacenti il soggetto che vende on-line semi di cannabis e relativi fertilizzanti, bilancini e altri prodotti per la coltivazione e l’assunzione di marijuana, poiché induce, non solo all’acquisto, ma anche alla coltivazione dei semi trasformandoli in prodotti di natura stupefacente e, quindi illeciti.

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.