La copertina del primo numero di High Times

La storica rivista americana sulla cannabis High Times è stata acquisita da un fondo di investimenti per 42 milioni di dollari. Una cifra record che rende bene l’idea di quanto negli Usa il business sia entrato prepotentemente in ogni settore della cannabis, non solo nella produzione e nella commercializzazione dei prodotti cannabici.

Oltre alla rivista e al suo sito internet la società d’investimento “Oreva Capital”, con sede a Los Angeles, ha acquisito anche tutti i diritti sulla High times Cannabis Cup, lo storica fiera della cannabis che si tiene dal 1988 ad Amsterdam (e negli ultimi anni anche negli Usa).

La rivista venne fondata nel 1974 dal giornalista e attivista Tom Forcade. Personaggio eclettico ed entrato nella storia della controcultura statunitense anche come promotore dei primi concerti punk negli Usa (tra i quali il primo tour americano dei Sex Pistols), che portò da subito la rivista a vendere centinaia di migliaia di copie prima di suicidarsi, con un colpo di pistola alla testa, nel 1978.

Della società Oreva Capital fa parte anche Damian Marley, il più giovane tra i figli del profeta del reggae Bob, a dimostrazione della sempre maggiore attività della famiglia Marley nel cannabusiness mondiale.

Adam Levin, direttore di Oreva, ha affermato ai media americani di considerare High Times l’equivalente della Coca-Cola nel mercato della cannabis. Qualsiasi cosa voglia dire si spera che il nuovo gruppo non voglia snaturare ulteriormente la linea editoriale della rivista, nata come voce indipendente della controcultura americana.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.