Buone notizie

La riforestazione miracolosa dell’Eritrea

In trent'anni piantati 27 milioni di alberi, con la partecipazione di tutti

Il progetto di riforestazione in Eritrea

In Eritrea, nel Corno d’Africa, va avanti un’iniziativa per riforestare il paese, che ha visto spuntare 27 milioni di alberi nuovi.

Negli ultimi trent’anni intere comunità si sono impegnate nella piantumazione di alberi, per proteggere il terreno, per mantenerne l’umidità, per fornire ombra, per assorbire inquinanti, per dare habitat agli animali.

L’Eritrea è nota per le sue frequenti siccità e mancanza d’acqua. Ha mille chilometri di coste bagnate da un mare pulito, non inquinato e non sfruttato in modo disumano, ma l’interno è un’altra storia: la superficie forestale un tempo copriva il 30% del territorio nazionale. Oggi sono solo l’1%. Parte di questa perdita è dovuta all’avanzare dell’agricoltura e all’esplosione demografica, parte alla guerra civile che ha devastato il paese.

La deforestazione si accompagna alla desertificazione e così quando il paese ottenne l’indipendenza nel 1991 il neo-ministero dell’agricoltura stabilì che 200.000 ettari di territorio dovessero essere dedicati alla riforestazione. L’obiettivo non era e non è solo quello di piantare alberi, ma anche di aiutare il suolo a rigenerarsi, conservare l’acqua, preservare habitat per la fauna locale, e sviluppare regole e criteri affinché il successo della riforestazione e della protezione degli ecosistemi sia duraturo.

L’iniziativa ha preso il via nel 1994 con la partecipazione di tutti: studenti delle scuole superiori, comunità locali, adulti e anziani. Ogni anno vengono piantati circa un milione di alberi, a volte di più, a volte di meno.

L’albero preferito è l’eucalipto perché cresce in fretta e perché la legna può essere utilizzata nelle costruzioni. Ma spesso vengono piantati anche ulivi, pini, acacia. Gli alberi vengono fatti crescere fino a 30 centimetri nei vivai prima di essere piantati per renderli più resistenti alla mancanza d’acqua.

La maggior parte di ciò che viene piantato sopravvive.

Il governo fornisce semi e strumenti. La stragrande maggioranza delle persone collabora positivamente. A volte i prodotti collegati alle foreste vengono venduti.

L’obiettivo è di arrivare al 10% di riforestazione entro il 2027 in tutto il paese.

In anni più recenti, l’Eritrea partecipa al progetto della grande muraglia verde che si propone di piantare alberi ai confini del Sahara per prevenire la desertificazione e che coinvolge comunità locali nella gestione del territorio. L’obiettivo in questo caso è di riportare in vita 100 milioni di ettari di terre degradate nell’Africa centrale entro il 2030, iniziativa che darà lavoro a circa 350,000 persone. Oltre l’Eritrea, partecipano Algeria, Burkina Faso, Chad, Gibuti, Egitto, Etiopia, Gambia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria e Senegal.

La linea della Grande muraglia verde in Africa
La linea della Grande muraglia verde in Africa
TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button