L’interpretazione legale della produzione e del commercio di cannabis light continua ad essere assolutamente ambigua in tutta Italia. Con coltivatori e negozianti sottoposti all’arbitrio dei giudici che di tanto in tanto ordiscono sequestri e indagini. Che se è vero che fino ad adesso si sono sempre risolti in una bolla di sapone, con assoluzioni totali, sono però spesso sufficienti per mandare sul lastrico delle piccole attività economiche e per scoraggiarne i titolari che si trovano a non avere alcuna certezza.

Una confusione resa possibile dal fatto che l’Italia non si è ancora dotata di una legge quadro, capace di stabilire norme precise per la produzione e la commercializzazione delle infiorescenze di canapa. Per sollecitare un’azione in questo senso il consiglio regionale del Lazio ha approvato un ordine del giorno proposto dal consigliere Marco Cacciatore del Movimento 5 Stelle.

L’Ordine del giorno approvato a maggioranza, con i voti del centro-sinistra, chiede al Presidente ed alla Giunta di attivare canali di “collaborazione istituzionale presso i ministeri competenti per la predisposizione di una circolare interpretativa che delinei in modo preciso e oggettivo tutte le condotte non penalmente rilevanti nell’ambito della filiera della canapa sativa light”.

Un Odg che chiede semplicemente al governo di fare chiarezza emettendo una circolare che tuteli gli operatori di un settore economico. Tanto basta però a Fratelli d’Italia per alzare il solito polverone di propaganda contro la cannabis light, emettendo un comunicato in cui accusa la Regione di essere complice di negozianti che alimentano la cultura della droga e dello sballo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.