High times

La pusher street di Christiania è stata distrutta dai suoi stessi residenti

Christiania (2)Le bancarelle che vendono droghe leggere a Pusher street, la famosissima strada dello spaccio all’interno del quartiere hippie di Copenaghen, Christiania, sono state smantellate dai suoi stessi abitanti. È successo venerdì, quando i residenti hanno deciso di reagire ad una situazione giudicata da tempo ingestibile.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata una sparatoria avvenuta mercoledì scorso. La polizia aveva fatto irruzione nella strada per arrestare uno spacciatore, il quale aveva reagito iniziando a sparare ferendo due agenti (uno in maniera molto grave) e un passante. Durante la sparatoria il sospetto spacciatore, di nome Mesa Hodzic, è rimasto ucciso.

I residenti del quartiere hippie, che venne fondato nel 1971 e ospita circa 600 abitanti, si sono riuniti in assemblea e come primo atto hanno deciso di smantellare le banchette che vendono fumo lungo la cosiddetta Pusher street.

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "Google Youtube" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.

«Ciò che possiamo fare è rimuovere queste bancarelle, condannare con forza la violenza che è diventata realtà qui a Pusher Street e rivolgere un pensiero al poliziotto e alla sua famiglia», ha dichiarato ad Euronews il portavoce di Christiania, Risenga Manghezi.

Per sconfiggere definitivamente il problema gli abitanti di Christiania hanno chiesto aiuto anche ai cittadini e ai turisti, invitandoli a non recarsi più a Christiania per acquistare droghe.

Il problema dello spaccio è infatti molto sentito dagli abitanti del quartiere, specie negli ultimi anni durante i quali il commercio di droga sarebbe finito in mano a vere gang criminali senza più nessun rapporto ideale con la comunità hippie del posto.

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.