cannabis-1024x768Ricordatevi la data: 22 luglio 2014, perché forse entrerà nella storia come il giorno in cui anche l’Italia ha cominciato a percorrere la strada che un giorno la porterà fuori dalla melma del proibizionismo.

Merito di un’associazione di malati e del consiglio regionale della Puglia. L’associazione – il cannabis social club La Piantiamo di Racale (Lecce) – per il lavoro di sensibilizzazione portato avanti in questi anni per il diritto alla cura con la cannabis per i malati, il consiglio regionale per la sensibilità mostrata, prima nel confrontarsi con i malati e poi per aver votato all’unanimità una legge che consentirà la prima produzione di cannabis legale in Italia.

COSTERA’ 1,55 EURO AL GRAMMO. La proposta prevede che la Regione Puglia possa sperimentare progetti pilota, in collaborazione con lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (già pronto da tempo a partire con la produzione di cannabis) o con altri soggetti autorizzati, per produrre medicinali cannabinoidi. In più sarà attuato un piano di cooperazione con varie Università che forniranno un supporto di ricerca e valutazione. Infine, per ridurre le spese relative all’acquisto e alla preparazione di medicinali cannabinoidi, la Giunta Regionale verificherà, entro 3 mesi dall’entrata in vigore della legge, la possibilità di centralizzare acquisti, stoccaggio e distribuzione alle farmacie ospedaliere abilitate, avvalendosi di strutture regionali. Secondo l’associazione La Piantiamo (formata principalmente da persone affette da sclerosi multipla) il prezzo finale dovrebbe essere di 1 euro e 55 centesimini al grammo per i malati. Per garantire produzione e controllo dei prezzi già nei mesi scorsi l’associazione insieme a varie istituzioni pugliesi ha fondato “Esile”, una Srl creata ad hoc, in grado di coltivare, confezionare e distribuire la cannabis terapeutica attraverso un sistema controllato e strutturato in modo tale che siano sempre i malati al centro di tutto, mantenendo i prodotti a prezzi accessibili.

PER UNA VOLTA LA POLITICA UNITA NELL’INTERESSE DEI MALATI. Il business plan e l’intera documentazione è stata consegnata da tempo alle Istituzioni e l’intero progetto è stato elaborato da professionisti in collaborazione con i maggiori esperti del settore. Ed ora l’approvazione di questa legge consentirà al sistema sanitario e ai cittadini che hanno la possibilità di usufruire di queste cure in via sperimentale, un grande risparmio economico nell’acquisto di questi medicamenti. Fino ad oggi infatti, i malati che riescono (e sono pochissimi) a farsi prescrivere la cannabis per scopi terapeutici devono importarla dall’estero a cifre superiori ai 35 euro al grammo. L’associazione La Piantiamo in un comunicato sottolinea “l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio composto da più partiti, più bandiere e più colori uniti, come quasi mai accade, per una battaglia comune”. Grande soddisfazione anche da parte del promotore della legge, il consigliere Sergio Blasi, che ha sottolineato come “in Puglia ancora una volta sfidiamo i pregiudizi e superiamo le diffidenze”.





18 Comments

  1. Dino Costantino Sanna says:

    chi non e malato la puo comprare lo stesso?

  2. Roberto Impellizzeri says:

    no.

  3. Marco Lenoci says:

    C'è possibilità di lavorare in questo campo?

  4. Carmine Rago says:

    ED E' COSI CHE I PUGLIESI SI DETTERO TUTTI MALATI! HAHAHA

  5. Mario Siniscalco says:

    pure sottocosto !

  6. non perchè….. Emanuele Mazzotti

  7. Finalmente l' hanno capita..sfruttare il potenziale economico per arrivare alla giusta cura..e non solo…

  8. Luparelli Daniele says:

    malati immaginari (me compreso) tra …3…2….1….

  9. PER UNA VOLTA LA POLITICA UNITA NELL’INTERESSE DEI MALATI. Sana coerenza,aumento del potenziale economico e piu tutela per i malati.

  10. Denny Clemente says:

    In questo CAMPO proprio xD

  11. Marita Ibba says:

    L'unico problema come al solito sono i drogati , che faranno diventate tutto controllato e difficile da utilizzare per chi invece è' veramente malato , aumenteranno i furti nelle farmacie . Dovrebbe essere distribuita solo dalle farmacie ospedaliere , sotto controllo della terapia del dolore ! I drogati continuino a strapagarla , come tutti i vizi chi li vuole se li paghi !!!!!

  12. Daniel Edmond Lord says:

    Verranno massacrati di tasse poi…. una volta incrementato il businnes..

  13. Mario Maida says:

    fantastico..la Liguria è ancora molto lontana da questo discorso…….

  14. Davide Cosinonandiamodaccordo Benozzi says:

    certo si sà che uno quando fuma erba diventa violento e commette furti… suvvia si i furti ci saranno , ma non di sicuro effettuati da dei ragazzi che si voglion fare na canna … ecco come fare di tutta "l'erba un fascio" paragonandoci a dei dipendenti da oppiacei o da cocaina…. dai è meglio che togli il luogo in cui hai studiato perchè la tua chiusura mentale può solo che arrecare danno al prossimo . peace

  15. Davide Cosinonandiamodaccordo Benozzi says:

    certo si sà che uno quando fuma erba diventa violento e commette furti… suvvia si i furti ci saranno , ma non di sicuro effettuati da dei ragazzi che si voglion fare na canna … ecco come fare di tutta "l'erba un fascio" paragonandoci a dei dipendenti da oppiacei o da cocaina…. dai è meglio che togli il luogo in cui hai studiato perchè la tua chiusura mentale può solo che arrecare danno al prossimo . peace

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.