2014-12-21 09.52.48 amVi è molta confusione nel cielo di Italia e soprattutto nell’universo legislativo che riguarda la materia degli stupefacenti. Da quanto si sa molte sono le proposte presentate, e non sembra che vi siano enormi differenze tra i vari testi.

Per quanto mi riguarda, io desidero soffermarmi brevemente sulla proposta di legge che vede primo firmatario l’on. Ferraresi, del M5s. Si tratta di un testo alla cui elaborazione ho partecipato come tecnico (non essendo aderente a tale formazione politica) e ne conosco i capisaldi.

Desidero rilevare, peraltro, che, nonostante io ritenga che il testo formulato costituisca un’apprezzabile ipotesi di superamento dell’attuale normativa, si avverte la necessità di un intervento legislativo di maggiore ampiezza perché la materia degli stupefacenti non si limita alla sola cannabis ed ai suoi derivati. Io credo che uno degli aspetti nodali consista nella possibilità per il maggiorenne di coltivare fino a 4 piante femmine di cannabis e detenerne il prodotto in domicilio indicato mediante una semplice comunicazione tramite raccomandata A/R o posta certificata alla Prefettura territorialmente competente. Va apprezzata l’impostazione che mira a dare dei parametri di certezza alla dimensione della coltivazione, si da potere stabilire la sua liceità o meno, attraverso la predeterminazione di un numero massimo di piante e l’individuazione del sesso femminile delle stesse. Rilevante è pure la limitazione per cui la coltivazione può essere esercitata solo da persona maggiorenne.

Altrettanto interessante, è la facoltà per il singolo di detenere, al di fuori del domicilio indicato, fino a 5 grammi lordi di cannabis, aumentati a 15 grammi lordi in privato domicilio. Anche in questo caso si è mirato a fornire stabili parametri aritmetici che possano superare e sedare preventivamente contrasti o d equivoci di carattere interpretativo, così da evitare contrasti di giudicati. In questo senso si pone anche la facoltà, previa prescrizione medica, di detenere quantità maggiori di cannabis in deroga ai punti precedenti. Il progetto, inoltre si fa carico di superare i gravi limiti normativi attuali in materia di reato di lieve entità, cioè di quel reato di cui al comma 5 dell’art. 73 che attualmente prevede una pena unica per sanzionare sia le condotte riguardanti le droghe pesanti presenti in tabella I e III (cocaina, eroina…) e le droghe leggere presenti in tabella II (cannabis) e IV. Mentre è stata aumentata la pena per le prime, è stata diminuita la sanzione per le seconde.

Ritengo basilare e coraggiosa la decisione di sopprimere qualunque riferimento punitivo riguardante le condotte per uso personale di cannabis e cioè mi pare elemento qualificante l’eliminazione degli illeciti amministrativi per sostanze presenti in tabella II e IV. Interessante è pure l’introduzione e la regolamentazione dei “Cannabis Social Club”, ovvero associazioni di coltivatori e consumatori di cannabis, sull’onda di quelli spagnoli. Essi dovrebbero in qualche modo permettere forme regolamentate di consumo legale di gruppo di sostanze stupefacenti derivate dalla cannabis senza rischi di dovere comparire davanti ad un giudice per stabilire la sussistenza dell’uso di gruppo. Rimarchevole è pure la scelta di prevedere un aumento delle aggravanti in caso di condotte riguardanti la cessione a minori di sostanze stupefacenti. Nel complesso, quindi, uno sforzo significativo e sono assai lieto che nel comunicato di presentazione sia stato evidenziato e riconosciuto “in particolare il contributo esclusivamente tecnico dell’avv. Carlo Alberto Zaina”.

 





One Comment

  1. quando sarà votata questa proposta di legge?

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.