Prima di essere incentrato sulla nascita di Gesù, il Natale, era la celebrazione del solstizio d’inverno, la notte più lunga dell’anno, che cade tra il 21 e il 22 dicembre. Mentre le credenze sono cambiate nel corso dei secoli, le piante continuano a svolgere un ruolo centrale nel periodo natalizio: sempreverdi, agrifoglio, vischio, cannella, chiodi di garofano, arance, noci e persino cannabis sono tutti riporti di antiche tradizioni. Ecco alcuni modi in cui la cannabis ha portato buone vibrazioni e allegria festosa nei giorni più bui dell’anno.

Incenso magico
Christian Rästch in “Pagan Christmas” racconta delle dodici “notti crude” quando il dio precristiano Wotan (Odino o Wodan) e il suo esercito selvaggio galopparono nel cielo combattendo una battaglia tra luce e oscurità, nota anche come Caccia Selvaggia. Così per calmare gli dei e scongiurare il male prima di coricarsi, pagani e primi cristiani usavano imbrattare le loro case e le stalle con nove erbe tra cui ginepro, resine sempreverdi, cardo mariano, artemisia e cannabis.
Tutt’oggi nelle chiese cristiane continuano a bruciare incenso ricco di terpeni alla vigilia di Natale, e alcuni ipotizzano che la caccia selvaggia sia la storia di Babbo Natale e le sue renne che volano nel cielo.

La pipa dei sogni
“Una pipa che teneva stretto tra i denti / E il fumo gli circondava la testa come una ghirlanda “, a scriverlo è Clement Clarke Moore nella sua poesia del 1823, “A Visit from St. Nicholas”
L’immagine di Babbo Natale che fuma la pipa ricorda un’epoca passata, fumosa, ma non solo di tabacco, bensì di una miscela pungente di erbe di bosco e di prato fumate a Natale che spesso, secondo Rästch, conteneva cannabis. Sempre in “Pagan Christmas”, ha scritto che i tedeschi aveva inventato una parola speciale, “knastert”, per indicare il mix dei semi di cannabis utilizzato per il rituale natalizio.
Rästch ipotizza che lo spirito di montagna pagano che fuma la pipa fosse un precursore del benevolo San Nicola, che in seguito diede origine al punitivo Ru-klaus (“Rough Nicholas”) e al terrificante Krampus.
Grazie al lavoro creativo dei poeti americani del XIX secolo come Moore, i bambini oggi aspettano con ansia le visite di un allegro Babbo Natale, forse tenuto di buon umore proprio dal contenuto della sua pipa.

La zuppa di semi di cannabis
In “The Great Book of Hemp”, Rowan Robinson scrive di un’antica tradizione della vigilia di Natale ancora presente in Polonia e Lituania: si tratta di semieniatka, o zuppa di semi di canapa, che viene offerta ai familiari dei defunti che tornano a visitare le loro famiglie durante le vacanze.
Robinson ipotizza che l’usanza risalga all‘antica cultura scita in cui la cannabis era inestricabilmente legata ai rituali che circondavano la morte e i funerali.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.