Psiconauta

La Nuova Zelanda è il primo paese al mondo a finanziare lo studio sulle microdosi di LSD

La Nuova Zelanda è il primo paese al mondo a finanziare lo studio sulle microdosi di LSDIl ministro della salute neozelandese ha approvato uno studio sulle microdosi di LSD, mai realizzato prima. La ricerca, guidata dallo scienziato e sommelier psichedelico Suresh Muthukumaraswamy, mira a determinare se LSD assunto in microdosi può avere effetti positivi sull’umore, sulla creatività e sulla concentrazione dell’individuo.

Sebbene godano di un rinnovato interesse, gli psichedelici sono ancora considerati una sostanza vietata nella maggior parte del mondo. Nonostante gli effetti positivi riscontrati negli ultimi anni nella Silicon Valley legati a una maggiore facoltà di concentrazione sul lavoro conseguente la pratica del microdosaggio, l’illegalità degli psichedelici ha fatto sì che gli studi clinici non abbiano avuto vita facile.

Ora l’Università di Auckland è riuscita a garantire finanziamenti per il primo programma di ricerca approvato dal governo sugli effetti delle microdosi di LSD. Ciò che distingue questo esperimento dai precedenti è che invece di essere supervisionato da un ricercatore, i soggetti del test vengono rimandati a casa con una prescrizione di LSD:  ciò che si vuole studiare è l’effetto che le microdosi possono avere sulla vita quotidiana nell’arco della giornata. Le microdosi di LSD hanno dimostrato solo ufficiosamente di portare effetti benefici senza una ripercussione “pericolosa” nella routine quotidiana, quello che si vuole capire è se sia effettivamente così.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button