Il ministro della salute neozelandese ha approvato uno studio sulle microdosi di LSD, mai realizzato prima. La ricerca, guidata dallo scienziato e sommelier psichedelico Suresh Muthukumaraswamy, mira a determinare se LSD assunto in microdosi può avere effetti positivi sull’umore, sulla creatività e sulla concentrazione dell’individuo.

Sebbene godano di un rinnovato interesse, gli psichedelici sono ancora considerati una sostanza vietata nella maggior parte del mondo. Nonostante gli effetti positivi riscontrati negli ultimi anni nella Silicon Valley legati a una maggiore facoltà di concentrazione sul lavoro conseguente la pratica del microdosaggio, l’illegalità degli psichedelici ha fatto sì che gli studi clinici non abbiano avuto vita facile.

Ora l’Università di Auckland è riuscita a garantire finanziamenti per il primo programma di ricerca approvato dal governo sugli effetti delle microdosi di LSD. Ciò che distingue questo esperimento dai precedenti è che invece di essere supervisionato da un ricercatore, i soggetti del test vengono rimandati a casa con una prescrizione di LSD:  ciò che si vuole studiare è l’effetto che le microdosi possono avere sulla vita quotidiana nell’arco della giornata. Le microdosi di LSD hanno dimostrato solo ufficiosamente di portare effetti benefici senza una ripercussione “pericolosa” nella routine quotidiana, quello che si vuole capire è se sia effettivamente così.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.