La Nuova Zelanda ha depenalizzato l’aborto. La nuova legge consente alle donne di ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza entro le prime 20 settimane di gestazione. «Per oltre 42 anni, l’aborto è stato in Nuova Zelanda l’unica procedura medica considerata un crimine, ma d’ora in poi sarà giustamente trattato come una questione di salute» ha commentato il ministro della giustizia Andrew Little.

Per oltre quarant’anni la legge della Nuova Zelanda ha considerato l’aborto un reato, permettendolo solo in precise circostanze e cioè in caso di incesto, malformazione del feto o seri rischi per la salute mentale e fisica della donna costringendo spesso le donne a mentire o di ricorrere e sottoporsi a procedure poco sicure pur di interrompere una gravidanza.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.