A metà marzo, la comunità messicana di San Lorenzo de Azqueltán si è mobilitata per recuperare le proprie terre. In pratica, dopo aver chiesto più volte e inutilmente alle autorità di intervenire, i membri della comunità hanno rimosso da loro le recinzioni che degli “occupanti invasori” avevano messo nei loro territori.
A colpire è la dignità espressa nello spiegare e motivare la loro azione:

Di fronte alla costante e palese impunità con cui le autorità di tutti i livelli e poteri del governo hanno motivato, protetto e incoraggiato questi atti illegali che hanno portato alla crescente espropriazione, ai tentativi di privatizzazione, alle molestie e alla repressione, abbiamo difeso ciò che è nostro.

Abbiamo deciso di porre fine a questo nuovo furto del patrimonio collettivo, che abbiamo ereditato da millenni e che è tutelato dal nostro titolo vicereale dell’anno 1733, nonché dalla procedura legale di Riconoscimento e Titolazione dei Beni Comunali, che è svolta presso il Tribunale Unitario Agrario del distretto 16, con sede a Guadalajara, Jalisco.

Esigiamo che cessi il furto delle terre comunali, perché la nostra madre terra non è in vendita né consentiremo ulteriori espropriazioni o molestie alle nostre autorità agrarie autonome o del governo tradizionale di Azqueltán, perché la lotta dei nostri antenati e la speranza di continuare ad esistere in quanto comunità indigena di Tepehuana e Wixárika, non sono negoziabili”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.