Img1Sarò sincero.
Ne ho viste tante di cause “vitali” venir dimenticate quando passano di moda; la deforestazione dell’Amazzonia per cui si è speso Sting più di altri, il Live Aid per l’Africa (dove ho vissuto 4 anni) e che tira sempre e quindi di volta in volta viene riesumata in base alle necessità, la caccia alle balene, i pellerossa d’America, le donne infibulate e via di seguito. È difficile parlare con competenza e senza titoli, perciò il mio contributo bimestrale non sarà apertamente schierato.

È ovvio che nessuno sosterrebbe la legittimità di sputtanare l’unico pianeta che abbiamo per viverci in funzione del tornaconto economico, tuttavia credo che se considerati nell’immensità temporale che ci vede presenti sulla terra rispetto ad altre specie e confrontando la durata delle ere precedenti, forse pensare che da soli riusciamo a compromettere un sistema che ci eliminerebbe anche solo scoreggiando, sia un po’ presuntuoso. Che l’industria petrolifera e più in generale tutti coloro che governano le leggi attraverso il denaro per controllare la stragrande maggioranza dell’umanità facciano il proprio tornaconto fregandosene di tutto e di tutti ormai non è mistero, ma non credo potranno arrivare più in là di un’illusione concessa pro-tempore, di assecondare le leggi della natura al loro volere.

Credo che abbiamo fatto e stiamo facendo danni, molti dei quali che si potrebbero evitare, ma penso e confido che la perfezione e la memoria di questo sistema che ne ha viste molte, più di qualunque specie vivente, delle quali l’uomo è solo una delle tante e nemmeno la più longeva, abbia in sé il modo per eliminare qualunque cosa arrivi a minacciarne seriamente la sopravvivenza, seppure questa volta la speranza non sia nell’interesse della specie a cui anche io appartengo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.