Contro-informazionepopoli indigeni

La lunga lotta dei Sioux contro l’oleodotto e la nuova sentenza che fa ben sperare

La lunga lotta dei Sioux contro l'oleodotto e la nuova sentenza che fa ben sperareAlla fine di marzo 2020, la Corte di Washington DC ha rimesso in discussione le sorti dell’oleodotto Dakota Access da anni operativo nel portare petrolio dal Nord Dakota all’Illinois attraversando le terre sacre dei Sioux e sotto al fiume che è la loro unica fonte di acqua potabile, il Missouri. La Corte federale ha infatti commissionato una nuova valutazione sull’impatto ambientale dell’oleodotto che prenda in considerazione la possibilità di sversamenti e la difficoltà di rintracciare eventuali perdite come richiesto dai nativi americani.

Per oltre un anno, tra il 2016 e il 2017, migliaia di persone protestarono nei territori dove avrebbe dovuto passare l’oleodotto, portando così l’attenzione del mondo su quanto stava accadendo e aiutando a far crescere un movimento globale di resistenza indigena a progetti di infrastrutture legate ai combustibili fossili.

Sulla nuova decisione il giudice James Boasberg ha dichiarato che l’approvazione di questo oleodotto resta “altamente controversa” ai sensi della legge federale sull’ambiente e che è necessaria una revisione più ampia della valutazione precedentemente effettuata, cosa che richiederà molto tempo. Non è ancora chiaro se la sentenza porterà alla chiusura dell’oleodotto. Boasberg ha ordinato ad entrambe le parti di presentare una relazione sull’opportunità di continuare a tenerlo in funzione durante il periodo del nuovo riesame, cosa che i Sioux vogliono evitare. Se così fosse, questa decisione equivarrebbe ad una vittoria storica. Comunque andrà la sentenza segna di per sé un passaggio importante di questa ormai annosa battaglia tra i Sioux e il Capitale.

Dopo anni di impegno a difendere la nostra terra e la nostra acqua, accogliamo questa notizia come una significativa vittoria legale”, dice il presidente della tribù Sioux di Standing Rock, Mike Faith. “E’ impressionante vedere come azioni che abbiamo portato avanti quattro anni fa per difendere la nostra terra ancestrale continuano ad influenzare le discussioni nazionali su come le nostre scelte influiscono sul pianeta. Forse, sulla scia di questa sentenza, anche il governo federale inizierà ad ascoltarci realmente quando esprimiamo le nostre preoccupazioni”.

La lunga lotta dei Sioux contro l'oleodotto e la nuova sentenza che fa ben sperare

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button