AntiproibizionismoHigh times

La legalizzazione non ha portato all’aumento di incidenti stradali: lo studio definitivo dal Canada

La legalizzazione non ha portato all'aumento di incidenti stradali: lo studio definitivo dal Canada
L’ennesima smentita dell’assunto tanto caro ai proibizionisti di ogni dove secondo il quale legalizzare la cannabis farebbe aumentare gli incidenti stradali, arriva da un nuovo studio scientifico che ha analizzato la situazione canadese a partire dalla legalizzazione della cannabis.

“L’attuazione della legge sulla cannabis non è stata associata a prove di cambiamenti significativi post-legalizzazione nelle visite al dipartimento di emergenza in Ontario o Alberta tra tutti i conducenti o tra i giovani, in particolare”, affermano i ricercatori che per arrivare a queste conclusioni hanno analizzato i dati del dipartimento di emergenza dell’Ontario e dell’Alberta da aprile 2015 a dicembre 2019.

“La legalizzazione non è associata a cambiamenti nelle lesioni da traffico in tutti i conducenti o nei giovani conducenti”, hanno sottolineato, nonostante il fatto che “lo slancio mondiale verso la legalizzazione dell’uso ricreativo della cannabis ha sollevato una preoccupazione comune che tali politiche possano aumentare la guida con cannabis e i conseguenti danni legati al traffico, specialmente tra i giovani”.

L’autore principale dello studio, Russ Callaghan, ha detto in un comunicato stampa che i risultati del suo team “non mostrano alcuna prova che la legalizzazione sia stata associata a cambiamenti significativi nelle presentazioni di lesioni da traffico al dipartimento di emergenza”.

Legalizzazione e incidenti stradali: le ricerche precedenti

Uno studio pubblicato su The American Surgeon nel febbraio 2021 condotto da ricercatori del New Jersey presso l’Hackensack University Medical Center, ha dimostrato che la legalizzazione della cannabis non è associata a un aumento della percentuale di vittime di incidenti automobilistici risultati positivi per la cannabis.

Nel settembre del 2020 un altro studio pubblicato su Traffic Injury Prevention, ha rilevato che l’emanazione di politiche a livello statale che legalizzano sia per uso medico che per uso generale da parte di adulti non è stata associata a un aumento della prevalenza di incidenti automobilistici mortali che coinvolgono i pedoni.

Secondo i dati del Nevada, dove la cannabis è venduta legalmente dal luglio 2017, presentati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, se tra luglio 2016 e maggio 2017 erano rimaste uccise in incidenti stradali 310 persone, tra il luglio 2017 e il maggio 2018 gli automobilisti deceduti in incidenti sono stati 277. Quindi, con la legalizzazione, gli incidenti sarebbero addirittura diminuiti del 10%.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button