AntiproibizionismoHigh times

La legalizzazione della cannabis favorisce l’integrazione razziale

La legalizzazione della cannabis favorisce l'integrazione razziale
La legalizzazione della cannabis può favorire l’integrazione razziale? Raccogliendo i dati dell’FBI Uniform Crime Report riguardanti 17 paesi degli Stati Uniti dal 2000 al 2019, l’Università della California di San Diego ha realizzato uno studio che rivelerebbe come le leggi sulla legalizzazione della cannabis in 11 stati abbiano portato ad una riduzione del 70% del tasso di arresto per detenzione di cannabis tra gli adulti, e di oltre il 40% tra i giovani. Ma non solo: questa ricerca mostra altresì  una riduzione del 17% del tasso di disparità razziale tra adulti neri e bianchi negli arresti per possesso di marijuana, mentre non si è rilevata alcuna riduzione tra i giovani.

La legalizzazione riduce la disparità razziale

Questa ricerca, pubblicata su Social Science & Medicine ha sottolineato diversi aspetti: innanzitutto la poca incidenza delle leggi sulla cannabis medica sugli arresti, mentre al contrario le leggi sulla cannabis ricreativa sembrano essere uno dei fattori che ha portato al declino degli arresti. E poi i ricercatori hanno evidenziato che, anche se legalizzazioni differiscono da stato a stato, la riduzione complessiva dei tassi di arresto dimostra gli effetti benefici della legalizzazione nella disparità razziale.

“La depenalizzazione della cannabis sembra essere particolarmente benefica per i neri, che soffrono maggiormente le conseguenze negative delle sanzioni penali”, mettono infatti nero su bianco nello studio.

Inoltre, i ricercatori non hanno potuto valutare se la riduzione della disparità razziale tra gli adulti fosse anche dovuto ad un cambiamento comportamentale delle stesse forze dell’ordine. A tal riguardo, lo studio ha dichiarato che “è possibile che i comportamenti delle forze dell’ordine non siano cambiati: i neri potrebbero essere ancora più propensi a essere fermati, interrogati o perquisiti per possesso di cannabis rispetto ai bianchi dopo l’intervento della depenalizzazione”.

Ad oggi sono 18 i paesi negli Stati Uniti che hanno deciso di legalizzare la cannabis per uso ricreativo e molte di queste leggi si inseriscono in programmi atti a ridurre le disparità razziali in seno alla popolazione e in generale per migliorarne le condizioni sociali.

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button