Che la produzione di calcestruzzo sia altamente inquinante a causa dell’alta emissione di CO2 nella fase di lavorazione è un dato di fatto e il rimpiazzo di questo materiale all’interno di una produzione su larga scala a volte può significare una diminuzione considerevole sull’impatto ambientale.

Sostituendo all’interno delle lavatrici un blocco di calcestruzzo con una tanica vuota lo studente Dylan Knight, dell’Università di Nottingham Trent, ha potenzialmente diminuito di 45.000 tonnellate l’emissione di anidride carbonica, nel solo Regno Unito.

Per garantire un contrappeso al cestello durante la fase di centrifuga all’interno delle lavatrici si posiziona un blocco di calcestruzzo o più raramente di ghisa, per una massa pari a 25kg. Knight ha previsto la sostituzione del blocco con una tanica vuota, da riempire di acqua in fase di installazione, diminuendo così di un terzo il peso dell’elettrodomestico .

Il risultato è sostenibile per varie ragioni: partendo dalla non produzione di calcestruzzo, passando per il notevole risparmio durante le fasi di trasporto (si calcola per 100 kg circa 8.5 g di emissioni di anidride carbonica in meno), fino ad arrivare al miglioramento delle condizioni di lavoro del tecnico che posiziona ed installa l’apparecchio.

Vero che si tratta di ricorrere alla plastica, soluzione che teoricamente non è la più ottimale, ma la direzione rimane quella corretta: apportare anche piccole variazioni in un’ottica di miglioramento di impatto ambientale.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.