2015-05-28 01.44.57 pmRiecco un altro ferragosto, in un mese duro “oltre il cancello”; la posta scarseggia, il pensiero corre al mare e a chi, beati loro, se lo può godere. Sarà forse per questo motivo che vi passerò la ricetta di un genere di conforto, anche se la pratica che vi descrivo è ormai caduta in disuso (forse).

La distillazione della grappa, se così si può chiamare “oltre il cancello”, è un procedimento lungo e complicato, per il quale è richiesto una pazienza giustificata solo dall’importanza che assume un distillato, seppur d’infima qualità, in una realtà da cui sono banditi i superalcolici e razionati i pochi alcolici permessi. I sistemi per ottenerla sono principalmente due, e per entrambi è necessaria la costruzione di un rudimentale alambicco, differente a seconda del metodo.

Sistema n. 1:
In una pentola non molto bella, versate 1,5 L di vino bianco (6 quarte). Costruite un raccoglitore, ricavandolo dalla parte finale di un mestolo, a cui avrete tolto il manico e praticato due forellini paralleli sul bordo superiore, in modo da poterlo sospendere, tramite due fili di rame, al centro della pentola, con la parte concava rivolta verso l’alto e quella convessa, sospesa, a poca distanza dal vino bianco sottostante. I fili di rame terranno sospeso il nostro raccoglitore, perché agganciati ai bordi della pentola. A questo punto, coprite la vostra pentola con un coperchio, leggermente incurvato verso l’interno, di modo che le goccioline che su di esso si depositeranno, per evaporazione, possano ricadere nel raccoglitore sottostante. Naturalmente è necessario mettere la pentola sul fuoco. Otterrete così, un quartino di pessimo distillato, ad alto tasso metilico, ideale tanto per la correzione del caffè, quanto per lenire l’ansia da prigione.

Sistema n.2:
Mettete a macerare in un secchio, tutta la frutta che avete in eccesso e che inizia a decomporsi, aggiungendovi una consistente quantità di zucchero e lasciatela a macerare per almeno 48 ore, rimescolandola un paio di volte al giorno. Completato questo processo, riponete il vostro composto, anche a rate se la quantità fosse abbondante, in una pentola che sigillerete ermeticamente, tramite un coperchio di sfoglia, fatta d’acqua e farina e al limite, un uovo, proprio come quella per fare la pasta. In questo coperchio, inserirete, altrettanto ermeticamente, un tubicino di metallo (ad es. l’antenna della televisione), avendo cura di rivolgerlo verso il basso con l’estremità inferiore in una bottiglia o altro recipiente, nel quale verrà pazientemente raccolto il distillato che, cadrà a goccia a goccia, una volta acceso il fornello sotto il nostro clandestino alambicco.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.