Nel suo piano per il clima, la Germania individua due settori su cui lavorare sodo per abbassare il livello delle emissioni di carbonio, quello dei trasporti e dell’edilizia. Stanzia 54 miliardi di euro fino al 2030 destinati a raddoppiare entro il 2050 e per raggiungere l’obiettivo agisce su due fronti: da una parte introduce un sistema di tassazione fissa delle emissioni di CO2, dall’altro promuove con incentivi la mobilità sostenibile e la conversione energetica delle abitazioni.

Come ha detto la Cancelliera Angela Merkel «Oggi non viviamo in modo sostenibile», ecco perché il governo ha votato per tassare in maniera crescente ogni tonnellata di CO2 prodotta – si parte con 10 euro fino a raggiungere i 35 nel 2025 – che porterà a rincari per le aziende e di riflesso per i consumatori con i costi di benzina e diesel che dovrebbero aumentare.

Il pacchetto per il clima prevede inoltre il taglio di parte dell’Iva sui biglietti ferroviari e incentivi per chi ristruttura casa puntando all’efficienza.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.