Buone notizie

La Germania dopo il nucleare mette al bando anche il carbone

Si è spesso sentito dire che il 100% di energia rinnovabile si può realizzare solo in Costa Rica o in Uruguay, in stati piccoli cioè. Ora invece la Germania, uno dei principali paesi del mondo per il consumo di carbone, ci mostra che volere è potere. Il governo tedesco ha infatti deciso che nei prossimi 19 anni chiuderanno tutte le centrali a carbone – tutte e 84 – per soddisfare i requisiti dettati dagli accordi di Parigi. 24 saranno chiuse entro il 2022, quindi entro tre anni, e 76 entro il 2030. Ciò significa che fra circa dieci anni in Germania ci saranno solo 8 centrali a carbone.

È una buona notizia di fondamentale rilievo perché riguarda la quarta o la quinta economia del mondo, a seconda di varie classifiche, e perché il carbone ha dominato per anni lo scenario energetico del paese. Tutti sanno che è da tanto che il paese lotta contro le emissioni di CO2 e che tanto hanno fatto in Germania per favorire sole e vento. Questo è un altro tassello nel loro cammino verso un paese più verde.

Oggi il carbone copre il 40% all’elettricità del paese ma nel 2018 sole e vento sono diventati la sorgente elettrica principale del paese salendo al 41%: il carbone è importante tanto quanto le rinnovabili in Germania. Ci sono voluti sette mesi per arrivare a questa decisione, con negoziati che sono andati avanti a volte per 21 ore di fila. Sono stati approvati pacchetti per mitigare le conseguenze della chiusura delle centrali a carbone per un totale di circa 40 miliardi di euro: si stima che 20mila lavoratori diretti e 40mila incluso l’indotto perderanno il lavoro e dovranno essere riqualificati.

Questa decisone si accompagna a quella del 2011 in cui si programmava di chiudere tutte le centrali nucleari entro il 2022. Ne hanno già chiuse 12 su 19 e l’economia tedesca continua a crescere. La quota di energia rinnovabile entro il 2040 raggiungerà l’80%.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.