Buone notizie

La Francia vieta i pesticidi che uccidono le api

La Francia vieta i pesticidi che uccidono le apiLa Francia è il primo paese europeo a vietare i cinque pesticidi che uccidono le api, non solo all’aperto ma anche nelle serre. Le api sono considerate uno dei “termometri” della salute dell’ecosistema: è noto, infatti, come questo insetto sia un importante indicatore dello stato di salute dell’ambiente e la sua scomparsa un segnale inquietante a livello globale.

«È possibile che in un futuro non molto lontano – ha dichiarato Dave Goulson, professore della University of Sussex avremo invasioni di insetti quali mosche o scarafaggi, che stanno via via sviluppando una resistenza ai pesticidi, ma perderemo le api, le farfalle e gli scarabei che sono fondamentali per l’ecosistema».

A differenza del resto d’Europa dove dal 19 dicembre scorso sono vietati, consentendone l’utilizzo alle sole serre, tre dei pesticidi neonicotinoidi usati dagli agricoltori – parliamo dell’imidacloprid e il clothianidin della tedesca Bayer e il tiamethoxam della svizzera Syngenta – la Francia mette al bando anche il thiacloprid (Bayer) e l’acetamiprid della francese Sanofi, tutte sostanze insetticide più tossiche per gli invertebrati, come gli insetti, che non per mammiferi o uccelli.

La notizia è stata accolta positivamente dagli apicoltori e dagli ambientalisti, meno dai coltivatori nonostante un rapporto dell’agenzia francese per la salute pubblica ANSES abbia dichiarato che ci sono alternative «sufficientemente efficaci e operative».

Scontente, ovviamente, anche le multinazionali. Ce ne faremo una ragione.

La Francia vieta i pesticidi che uccidono le api

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button