High times

La Francia potrebbe vietare il commercio di CBD e cannabis light

La Francia potrebbe vietare il commercio di CBD e cannabis light
Correva l’anno 2018 quando a Marsiglia due imprenditori furono condannati a 15 e 18 mesi di carcere, più una multa da 10mila euro, dopo aver messo in commercio una sigaretta elettronica a base di CBD, che veniva prodotto e importato dalla Repubblica Ceca. Ed è da questo precedente che è poi arrivata, nel 2020, la sentenza della Corte di Giustizia europea, che sosteneva che: “Uno Stato membro non può vietare la commercializzazione del cannabidiolo (CBD) legalmente prodotto in un altro Stato membro, qualora sia estratto dalla pianta di Cannabis sativa nella sua interezza e non soltanto dalle sue fibre e dai suoi semi”.

Una sentenza che sembrava aver messo il punto finale alla discussione. Eppure non è così. I negozi che vendono CBD e cannabis light in Francia iniziano a svilupparsi proprio nel 2018, ed è da allora che, in un clima di incertezza giuridica, molti sono finiti sotto processo con risultati alterni. Un po’ la stessa cosa che succede in Italia con la cannabis light: ci sono aziende che possono lavorare in tranquillità e altre, nelle zone in cui le procure hanno un atteggiamento più proibizionista, che subiscono processi, sequestri e tutto ciò che ne consegue.

La più alta corte di Francia, la Corte di Cassazione, doveva decidere la questione già nell’aprile 2019 in un caso riguardante due negozi di CBD chiusi nella Costa d’Oro. Ma per prudenza, i giudici hanno preferito aspettare la sentenza della Corte Europea, e la discussione, attesa da mesi davanti alla Corte, è arrivata ieri, con la sentenza che dovrebbe essere resa nota nei prossimi giorni.

Ad ogni modo, secondo l’anticipazione di Le Cannabiste, “l’arbitrato proposto dalla Mildeca (mission interministérielle de lutte contre les drogues et les conduites addictives) sulla canapa francese e sotto l’egida del gabinetto del primo ministro Jean Castex avrebbe infine e deciso nella direzione di una regolamentazione più restrittiva”.

Secondo la testata francese, “allo stato attuale, sembra che ci stiamo dirigendo verso lo scenario che prevede che la vendita al dettaglio dei fiori di canapa sarebbe totalmente vietata (comprese le infusioni)”.

Qui, un articolo aggiornato a luglio 2021 sul tema in questione.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button