img1 1Nei primi anni novanta la geografia musicale al di fuori del rock era piuttosto frammentaria, divisa per settori più o meno stagni in base a provenienze puramente geografiche. Da una parte, i jamaicani intenti a spingere al limite le testate dei system a suon di reggae, dall’altra la cultura nera americana, cresciuta con soul e funk e ormai consci della forza culturale e musicale dell’hip hop.

In mezzo restavano gli inglesi, in quel momento ad un bivio. L’hip hop ed il soul Made in Uk infatti, restavano sostanzialmente, anche se con le dovute eccezioni di London Posse e Soul II Soul, delle derivazioni poco originali dei corrispettivi americani. Ma qualcosa bolliva già in pentola, qualcosa di rivoluzionario: la jungle (prima) e la drum’n’bass (dopo).

La jungle/drum’n’bass come tutti i generi nati non solo in Inghilterra, è il frutto di un incredibile mix di fattori ed energie lentamente confluite in un unico sound omogeneo.

Sicuramente i fattori geografici giocarono un ruolo essenziale. Prendiamo per esempio alcuni dei principali fautori di questa nascente cultura: Lemon D & Dillinja, due junglist d’eccezione erano vicini di casa, Mc Det e Gq, due dei maestri cerimonieri per i 170bpm, erano compagni di classe. Piccoli aspetti che contribuirono di fatto a creare un rapporto d’unione, uno scambio d’opinioni essenziale per mettere in piedi un intero movimento culturale.

Il keep it real, diventò presto una formula d’obbligo, un po’ come lo fu nell’hip hop in Usa o negli stessi anni in Italia con il fenomeno posse. Puntare al locale prima di allargarsi, fornire e sostenere le radio pirata e i club e lavorare in una comunità per forgiarne l’identità. In questo contesto di continua evoluzione ed unione ognuno ebbe un ruolo complementare all’altro, come una figlia con più di una coppia di genitori: qualcuno diede l’impronta al genere e molti altri ne allungarono l’ombra. Di fatto parliamo di un fenomeno partito dalle fabbriche abbandonate londinesi che si diffuse ben presto in tutto il territorio nazionale, scavalcando i confini e rifiutando il controllo formale delle major. Solo dopo vennero i contratti firmati da Roni Size, Dj Hype e altri producer, quando la fase primordiale di sviluppo, ormai congelata, si trasformò in fenomeno di massa. In un certo senso, la cultura jungle/drum’n’bass è da etichettare come un qualcosa a metà fra uno stile di vita ed una vera e propria religione, che univa reggae, r’n’b, elettronica e ritmi d’africa.

La struttura portante venne retta da una folta schiera di producer, tutti paragonabili a pittori impegnati nel trasformare il panorama dei sobborghi. Al posto della tela, però, c’era il software.

Shy Fx, pioniere del jungle sound, fu uno di quei produttori che rapì dalla strada i rumori della metropoli, estendendoli e dandogli nuova linfa sotto forma di loop. Micky Finn, invece, partì dalle macchine analogiche e arrivò ai set con i giradischi. Altri invece iniziarono a coprodurre con gli ingegneri del suono, come il caso del dorato Goldie o più avanti di Ed Rush. Adam F invece, fa parte invece dei musicisti puri: cantante, sassofonista, bassista e compositore, creò con Colours qualcosa di assolutamente impensabile per molti, far suonare Hancock su di un drop.

Di seguito e per comprendere con i suoni il discorso affrontato, alcune tracce esemplificative di quegli anni:
Shy Fx feat Uk. Apace – Original Nuttah (1994)
Dj Hype – Bad Man (1994)
Micky Finn & Aprhodite – Bad Ass (1996)
Adam F – Metropolis (1997)

Francesco Cristiano
www.ciroma.org





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.