Is this modern society? Guadalajara (Messico), 2016

In un’epoca in cui la diffusione capillare dei dispositivi tecnologici ha permesso allo smartphone di insinuarsi gradualmente nelle nostre abitudini, siamo talmente presi dalla nostra vita digitale che spesso questa tende a sovrapporsi fortemente a quella reale fino a escluderla nei casi di dipendenza più estremi.

Jupiterfab, all’anagrafe Fabrizio Bianchini, è un muralista e street artist italiano classe 1979 che ha dedicato al tema dell’uso e abuso della tecnologia nella società moderna un progetto su scala mondiale.

Il titolo di questa serie di lavori è “Is This Modern Society?” e l’obiettivo è far riflettere su una crescita sostenibile della tecnologia in relazione ai bisogni e ai principi dell’essere umano. L’artista si è da sempre distinto per la componente sociale presente nei suoi lavori, riflesso di un’attenta osservazione della vita urbana e degli esseri umani mescolata nelle opere con sapiente sensibilità e acutezza.

«La mia idea è che la comunicazione a livello mondiale sia diventata molto più semplice ma, per assurdo, stiamo lottando per comunicare direttamente con le persone intorno a noi e tendiamo a usare la tecnologia per farlo, piuttosto che parlare direttamente», spiega Fabrizio in un’intervista. «Inoltre, tendiamo a isolarci dal resto del nostro ambiente alla ricerca di piaceri virtuali veloci e superficiali che, invece di nutrirci, ci rendono ogni giorno più affamati. L’era dell’intrattenimento ci ha completamente mangiato e il nostro ego ha riempito ogni spazio della nostra vita.»

Jupiterfab ha realizzato moltissimi lavori, ponendo sempre come soggetto principale il corpo umano. Lo studia e lo rappresenta, mostrando chi siamo dietro la maschera, i nostri veri sentimenti e le nostre vere emozioni. Si ispira ai muralisti messicani del XX secolo, dipinge su tela e lavora su installazioni sonore in collaborazione con il suo amico, Andrea Dedomenico.
Stefano Bianchini viaggia da oltre 13 anni ed è stato per parecchio tempo a Toronto, poi in Messico ed Europa. Ora si trova in Italia, precisamente a Brescia, sua città natale, per un progetto che si chiama “Immigrazione e integrazione”, parte di un percorso più ampio realizzato con l’appoggio del Comune che durerà fino al 2020: nel concreto, Jupiterfab utilizza strumenti e laboratori artistici per aiutare l’integrazione tra immigrati e residenti nella città industriale di Brescia.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.