Decrescita

La decrescita felice

img1 1

“Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all’infinito in un mondo finito è un pazzo. Oppure un economista.” Il pensiero dell’economista statunitense Kennet Boulding non stupisce: viviamo in un mondo centrato sul guadagno, sull’uso smisurato delle risorse, sulla monetizzazione di ogni cosa. Il concetto di sviluppo è sempre stato in stretto rapporto con il fattore economico. Lo sviluppo non si è mai sganciato dalla (errata) convinzione che il benessere di un Paese sia legato alla crescita del suo Prodotto Interno Lordo. Pertanto si è sempre ritenuto che un innalzamento di questo indicatore corrisponda ad un miglioramento delle condizioni di vita.

Questa ricerca di miglioramento ha assunto anche un valore etico: la società della crescita ha legato il suo destino ad una organizzazione fondata sull’accumulazione. In realtà molti studiosi da tempo sostengono che questa crescita economica si accompagna, a livello collettivo, a una decrescita del benessere psicologico. Malessere, disagio, frustrazione ci affliggono. Se da un lato, infatti, si cerca di aumentare la ricchezza data dal denaro, dall’altro si impoveriscono le relazioni, il benessere, il tempo libero, l’ambiente naturale. E’ chiaro che lo sviluppo inteso come quel processo in grado di soddisfare i desideri e le aspirazioni di tutti, permettendo agli esseri umani di sviluppare la propria personalità non si è mai realizzato.

Lo sviluppo realmente esistente può essere definito come un processo che porta a mercificare i rapporti tra gli uomini e tra gli uomini e la natura. Gli stili di vita fondati sulla crescita illimitata portano gli individui ad essere definiti “tossicodipendenti della crescita”. In questa situazione ciò che risulta necessario per risolvere i problemi è un cambio di rotta, abbandonando la concezione della crescita illimitata e cambiando gli stili di vita individuali.

Realizzare la decrescita felice è una necessità per salvare le nostre vite. La decrescita intende semplicemente ribaltare gli stili di vita e ripristinare l’uso razionale del cervello umano e l’uso razionale dell’energia. Si intende riscoprire il piacere del vivere sociale in maniera non più egoistica ma altruistica.

“La lumaca costruisce la delicata architettura del suo guscio aggiungendo una dopo l’altra delle spire sempre più larghe, poi smette bruscamente e comincia a creare delle circonvoluzioni stavolta decrescenti. Una sola spira più larga darebbe al guscio una dimensione sedici volte più grande. Invece di contribuire al benessere dell’animale, lo graverebbe di un peso eccessivo. A quel punto, qualsiasi aumento della sua produttività servirebbe unicamente a rimediare alle difficoltà create da una dimensione del guscio superiore ai limiti fissati dalla sua finalità. Superato il punto limite dell’ingrandimento delle spire, i problemi della crescita eccessiva si moltiplicano in progressione geometrica, mentre la capacità biologica della lumaca può seguire soltanto, nel migliore dei casi, una progressione aritmetica. Questo divorzio della lumaca dalla ragione geometrica, che per un periodo aveva anche lei sposato, ci mostra la via per pensare una società della decrescita, possibilmente serena e conviviale.”

Questo esempio tratto dal libro di Ivan Illich riassume al meglio il problema della crescita illimitata. Un pianeta finito è incompatibile con una popolazione infinita. Rinunciare a qualcosa è difficile, ma abbiamo veramente bisogno di tutto quello che abbiamo per vivere? Forse dovremmo cominciare anche noi a costruire le nostre circonvoluzioni decrescenti.

a cura di Silvia Crema





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.