Economia e investimenti

La controfinanziaria

111 proposte per un valore complessivo di quasi 36 miliardi per uscire dall’emergenza Covid-19 e imprimere un cambio di passo per la giusta ripartenza del Paese. Sbilanciamoci!, iniziativa frutto di un gruppo di lavoro che da oltre dieci anni discute e analizza criticamente i fatti dell’economia, dopo aver esaminato nel dettaglio la nuova Finanziaria – cioè quella legge dello Stato che stabilisce gli orientamenti della spesa pubblica per l’anno a venire -, l’ha riscritta, delineando una manovra economica alternativa a saldo zero. Dal fisco alla finanza e agli enti locali, dalle politiche industriali al lavoro e al reddito, dall’istruzione e la cultura all’ambiente e al welfare, passando per il disarmo, la pace e la cooperazione internazionale: proposte concrete, puntuali e praticabili da subito, esposte nel dettaglio su Sbilanciamo.info, grazie a cui superare la crisi legata alla pandemia e voltare pagina: con un’Italia in salute, giusta, sostenibile.

Meno Difesa
A fronte di una svolta in politica fiscale che non c’è stata, la proposta di Sbilanciamoci! rompe con il passato a vantaggio di una riforma complessiva e organica del sistema fiscale fortemente redistributiva, incentrata sul principio di capacità contributiva e sulla progressività dell’imposizione sul modello di quanto sta avvenendo in Spagna; prevede il welfare e la solidarietà come assi strategici per la ripartenza e punta sulla centralità dell’intervento pubblico per assicurare lavoro e reddito per tutti oltreché su una moratoria sulle spese militari che neanche la crisi sanitaria, economica e sociale causata dalla pandemia di Covid-19 hanno arrestato la loro crescita. Nel 2021 l’Italia spenderà oltre 6 miliardi di euro per acquisire nuovi sistemi d’armamento, eppure con i soldi di un carro armato ariete (7 milioni) si possono riaprire 20 piccoli ospedali e con il costo di una fregata si possono assumere 1200 infermieri per 10 anni. Un blindo centauro (13 milioni) vale come 2.800 borse di studio per studenti fuori sede. I 44 milioni per un elicottero Nh-90 valgono l’acquisto di 4.500 ventilatori polmonari. Con i soldi (670 milioni) di un sommergibile U-212 si può pagare lo stipendio a 1.000 medici per dieci anni.

Più ambiente
Più in generale, il Rapporto si concentra sulla mancanza di approccio organico della decarbonizzazione e di una trasformazione dell’economia verso produzioni eco-sostenibili. L’emergenza Covid, infatti, sta facendo dimenticare un’emergenza ancora più grande, quella che riguarda la lotta ai cambiamenti climatici e che spesso fa rima con la cura del territorio. Ecco perché non è possibile scindere l’ammodernamento e il potenziamento delle infrastrutture insieme alla rigenerazione e riqualificazione urbana dalla ricerca sullo sviluppo delle rinnovabili, dall’individuazione di soluzioni tecnologiche per lo sviluppo di una piena economia circolare, dalla mobilità integrata sostenibile e così via.

Perché non la canapa?
In questa manovra economica, alternativa sotto tutti i punti di vista, che invoca misure lungimiranti e coraggiose, salta all’occhio la mancanza della cannabis che, se legalizzata, porterebbe, oltre a tutto il resto, entrate sicure per lo Stato. Parliamo di benefici fiscali compresi tra i 6 e gli 8,7 miliardi di euro l’anno oltre a 345mila nuovi posti di lavoro, stando allo studio del 2017 condotto dai prof. Pietro David e Ferdinando Ofria dell’Università di Messina. Se il mercato della cannabis fosse regolamentato come quello dei tabacchi, gli scambi potrebbero emergere e consentire all’erario d’incassare circa 3 miliardi di euro solo dalle tasse sulle vendite, e si realizzerebbe un risparmio da parte dello Stato di circa 600 milioni spesi ogni anno da polizia, magistratura e sistema carcerario per contrastare la vendita da cannabis. Un passo che nel mondo più paesi hanno ormai fatto mentre noi, per pregiudizi e posizioni ideologiche, masochisticamente continuiamo a negarci.

a cura di Giorgio Falchi
Divulgatore per una finanza alternativa





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.