marijuana planten

In Italia la coltivazione della cannabis a contenuto di THC superiore allo 0,2% è vietata da una legge assurda e basata sulla menzogna. Diamo comunque qui alcuni consigli per i fortunati che possono coltivare in quegli stati dove c’è una repressione meno spinta (ad esempio Spagna, Portogallo, Olanda, ecc).

Scegliere un posto per la coltivazione, sia in interni, in serra o all’ aperto, che sia il più sicuro possibile, ben isolato da sguardi indiscreti, che non attiri l’attenzione.
Pianificare in anticipo il lavoro che aspetta, e cercare di non esagerare. Poche piante ben curate possono rendere molto.
Fare in modo che tutto il materiale usato per la coltivazione (vasi, terricci, fertilizzanti, lampade, ventilatori, strumenti misuratori, teli, eccetera) sia nuovo e della miglior qualità possibile, eviterete molti problemi in seguito.
Usare semi o talee di provenienza sicura, senza malattie o parassiti. Studiare le caratteristiche del vostro ambiente e cercare le varietà che meglio si potrebbero adattare.
Non improvvisare, ma essere pronti ad ogni problema che potrebbe capitare durante la crescita: leggere e tenere a portata di mano un buon manuale di coltivazione*, consultare testi di giardinaggio, tecniche orticole e agronomia, chiedere consigli al growshop di fiducia e pareri a coltivatori esperti; è importante capire perché si fa un tipo di intervento piuttosto che un altro.
Essere prudenti e discreti, ma non far mancare alle piante tutte le cure e attenzioni necessarie, ne sarete ricompensati.
Non avere fretta: per ogni cosa ci vuole il suo tempo. Tempi più lunghi spesso permettono raccolti più abbondanti e di migliore qualità. Evitate di rovinare un raccolto facendolo essiccare troppo rapidamente o in modo insufficiente.
Cercare di puntare sulla qualità del prodotto piuttosto che la quantità: lo utilizzerete per sentirvi BENE, e la qualità è la cosa più importante.
Non scoraggiarsi se qualcosa va storto: sbagliando si impara, ed è difficile avere un raccolto strepitoso la prima volta.
Non utilizzare materiale contaminato da muffe o parassiti, potrebbero essere pericolosi per la vostra salute.
È meglio prevenire che curare: mantenere tutto il materiale ed il posto della coltivazione estremamente puliti. Stare attenti a non introdurre malattie o parassiti, disinfettare i locali e tutti gli attrezzi di coltivazione.
Non usare pesticidi di sintesi, e non spruzzare mai le piante in fase di fioritura.
Prendere tutte le precauzioni necessarie per la massima sicurezza.
Fare un calendario e segnare tutti gli interventi, tornerà utile nella prossima coltivazione.
Se insorge un problema siate sicuri di cosa si tratta: controllare tutte le possibili cause prima di fare un intervento non mirato.
Godetevi il raccolto e ricordatevi che quello che avete prodotto voi, per voi è il più buono che ci sia.

ATTENZIONE:“LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO ARTICOLO NON INTENDONO IN ALCUN MODO ISTIGARE INDURRE OD ESORTARE L’ATTUAZIONE DI CONDOTTE VIETATE DALLA LEGGE VIGENTE. RICORDIAMO AI LETTORI CHE IL POSSESSO E LA COLTIVAZIONE DI CANNABIS AD ALTO CONTENUTO DI THC SONO VIETATE, SALVO SPECIFICA AUTORIZZAZIONE. E’CONSENTITA LA COLTIVAZIONE DI ALCUNE VARTIETA’ DI CANNABIS SATIVA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE 1251/1999 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI.” LE INFORMAZIONI CONTENUTE SONO DA INTENDERSI ESCLUSIVAMENTE AI FINI DI UNA PIU’ COMPLETA CULTURA GENERALE.




Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.