canapa industriale«In Italia è scoppiata la canapamania che ha favorito negli ultimi tre anni un aumento del 200% dei terreni coltivati a livello nazionale che oggi raggiungono quasi i tremila ettari», con queste parole la Coldiretti promuove la canapa a nuova risorsa per l’agricoltura italiana, in uno studio che affronta gli effetti della nuova legge sulla canapa entrata in vigore lo scorso 2 dicembre.

Una legge che, secondo la principale associazione degli agricoltori italiani, è essenziale per «sostenere il boom in atto in Italia».

La coltura della canapa, afferma la Coldiretti,  può aiutare a creare nuove opportunità di lavoro nelle campagne che possono contribuire alla crescita sostenibile e alla ripresa economica ed occupazionale del paese. Opportunità delle quali vengono sottolineati i possibili risvolti ecologici della canapa, definita come una coltura «a basso impatto ambientale, che contribuisce alla riduzione del consumo dei suoli e della desertificazione e contrasta la perdita di biodiversità».

Oggi – continua la Coldiretti – la consapevolezza dell’esigenza di creare un quadro legislativo di minore rigidità che possa valorizzare le caratteristiche distintive della canapa italiana ha portato finalmente alla creazione di un quadro legislativo che può valorizzare le caratteristiche distintive della canapa in Italia dove si sta verificando una rapida diffusione della coltivazione in tutte le regioni italiane.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.