Mentre c’è già una prima città, Shenzen, ad aver vietato ai propri cittadini di mangiare cani e gatti, presto la decisione, formulata all’interno di una proposta di legge, potrebbe estendersi all’intero Paese. L’annuncio è stato fatto a seguito della pubblicazione dell’elenco degli animali che d’ora in avanti possono essere legalmente scambiati per la carne, la pelliccia e per scopi medici.

Il nuovo elenco è frutto delle misure imposte dal Covid-19, dopo che l’epidemia è stata collegata agli animali selvatici, spingendo le autorità cinesi a vietarne il commercio e il consumo. Si ritiene infatti –  ma non è assolutamente dimostrato in modo definitivo – che un mercato a Wuhan che vendeva animali selvatici e carne di animali selvatici avrebbe potuto essere il punto di partenza dello scoppio del nuovo coronavirus.

Ogni anno, secondo Humane Society International, 10 milioni di cani e 4 milioni di gatti vengono uccisi in Cina per ricavarne carne da mangiare. Tuttavia, questa pratica non è così comune: la maggior parte dei cinesi non lo ha mai fatto e afferma di non volerci neanche provare.

Contemporaneamente ad aver riconosciuto pubblicamente ai cani e gatti lo status di animali domestici e non più da macello, la Cina ha approvato l’utilizzo della bile d’orso per curare i pazienti con coronavirus. La bile d’orso è stata a lungo utilizzata nella medicina tradizionale cinese per sciogliere i calcoli biliari e curare le malattie del fegato. Non ci sono prove che sia efficace contro il virus.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.