Industriale

La CIA-Agricoltori italiani chiede disciplinari per infiorescenze e canapa alimentare

La CIA-Agricoltori italiani chiede disciplinari per infiorescenze e canapa alimentare«Varare un disciplinare di produzione su base volontaria che valorizzi la canapa made in Italy, “oro verde” dell’agricoltura e soprattutto regoli il nuovo fenomeno della commercializzazione delle infiorescenze, la parte più pregiata della pianta».

È la richiesta fatta dalla CIA-Agricoltori italiani, all’indomani della circolare del Mipaaf che dava delle precisazioni sulla legge 242 del 2016. «Peccato però» osserva la Cia, «Che mancano ancora i decreti attuativi che regolano non solo il THC per foglie e fiori da destinare all’alimentare, ma anche le norme per la commercializzazione delle infiorescenze permesse ora solo ad uso tecnico o da collezione».

La circolare emanata a fine maggio infatti si limita a legittimare il mercato dei fiori di cannabis che si è sviluppato nell’ultimo anno, ma senza dare ulteriori indicazioni. In Svizzera ad esempio le infiorescenze di cannabis light sono state normate come succedaneo del tabacco. A livello alimentare invece si è ancora in attesa che il ministero della Salute emani le norme sul massimo quantitativo di THC che può essere contenuto negli alimenti. In teoria sarebbero dovute essere pubblicate entro 6 mesi dall’entrata in vigore della legge 242 del 2016, ma ad oggi non sono stati fatti passi avanti. 
La posizione è stata assunta durante l’incontro dal titolo “Canapa tra presente e futuro”, promosso a Roma con un dibattito a 360 gradi sullo stato del comparto.

Intanto le superfici coltivate a canapa crescono: per il 2018 si stimano oltre 4 mila ettari seminati, con un aumento di 10 volte dai 400 ettari del 2013.

La CIA-Agricoltori italiani chiede disciplinari per infiorescenze e canapa alimentare

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button